minimizza
Testi di Pisa
Tutti i testi | Testi della sezione | sezioni:

Fragmenta historiae pisanae pisana dialecto conscripta


Fragmenta historiae pisanae pisana dialecto conscripta. Praefactio In fragmenta historiae pisanae praefactio Ludovici Antonii Muratorii.

Quamquam multa dederim in Collectione Rer. Ital. ad nobilissimae Pisanae Urbis Historiam spectantia, male tamen de illa, immo & de Republica Literaria meriturum me arbitrarer, si quae Fragmenta sors mihi obtulit, negligerem, & communia cum reliquis Historiae amatoribus nollem. Commendantur ista ab antiquitate; quippe Primum, Italica Lingua, sive Pisana Dialecto ab Anonymo conscriptum, monumenta illius Urbis nobis exhibet ab Anno Chr. 1191 secundum Aeram Pisanam usque ad Annum 1294 minute alicubi literis consignata. Tum saltu facto ad Annum 1328 pergit narratio usque ad Annum 1337. Incertum est, an aliqua exciderint, atque an unus & idem Auctor singula in Commentarios retulerit. Haec autem e vetusto Codice MSto, existente Florentiae in Bibliotheca nobilis viri Antonii Nicolini, describenda curavit Illustrissimus Comes Albericus Archintus Mediolanensis, Abbas Commendat. S. Mariae Braydensis, nunc in Aula Romana Praeses Consultae, ut vocant, egregius juvenis, quem Literarum amor, & Prudentia annos antevertens, spectatissimum jam faciunt, & ad sublimiora natum produnt. Codicis scriptura perquam abstrusa difficultatem non mediocrem Librario creavit. Ibi duplicatae literae, ubi minime opus erat; rursus vero minime duplicatae, ubi eas pronuntiationis regula exigebat. Multa denique ubi occurrebat Pisanae Dialecti aerugo, quam magna ex parte retinendam censui, ut quale tunc esset discrimen inter Florentinorum & Pisanorum loquelam, quisque eruditionis venator deprehendat. Alterum Fragmentum, Latinis literis scriptum, progreditur ab Anno Chr. 1271: usque ad 1290. Illius Auctor Guido, non uno loco Opusculi hujus satis aperte significat, se sanguinem suum traxisse e generosa progenie. Nobilium de Corvaria (et) Vallechia, qui Anno vulgari 1281 Rodulpho Cancellario Rodulphi Romanorum Regis sacramentum fidelitatis praestisterunt, (et) ipse Vicarius de Feudo eos reinvestivit. Perdurat adhuc nobilis ista gens, in duos ramos divisa, scilicet in Galeffos Pisciae, & Albianos Petraesanctae habitantes; eorumque propago e Nobilibus de Corvaria & Vallechia ante paucos annos supremi Florentini Magistratus decreto comprobata legitime fuit. Anno autem 1271 secundum Pisanos, sive 1270 secundum Aeram communem, profectus ille fuit pro Ambasciatore pro Confortibus suis ad Regem Siciliae Karulum, cum erat apud Tunixium. Anno vulgari 1272 decessit, ut ille scribit, Domina Contissa soror mea. Heic fortasse Contissa, Italice Contessa, pro Comitissa. Tum Anno eodem discessit ipse Pisis pro eundo in officio Judicatus Corsicae pro Communi Pisanorum Ciociam uxorem suam; Baciomeum, Bonaccursum, & Landum filios, tum Orlandum fratrem commemorat. Anno vulgari 1274 Plumbinum petiit pro Assessore pro Communi Pisarum. Ad eumdem vero Annum is addit: Fuit ego Guido electus Judex ad Curiam novam, scilicet pupillorum, per Antianos. Inde ego nomen Auctoris collegi. Ad Annum vero vulgarem 1278 idem confirmatum vidi ex hisce verbis: Die Dominica XXIII Octubris natus est mihi Guidoni Judici filius, qui vocatur Landus, Pisis. Tamdem narrat ille, se Anno vulgari 1286 vestem Fratrum Minorum suscepisse, ex quo tamen Ordine ante professionem recessit. Verum insequenti Anno nomen suum dedit Canonicis Regularibus Lucensibus Sancti Fridiani, apud quos professione emissa, Anno demum 1280. Ordinem Sacerdotii suscepit. Quum vero quae sup tempore identidem contingebant, Guido iste adnotarit, suum propterea pretium futurum est hisce Fragmentis. Atque haec postrema debeo eruditissimo viro, Francisco Mariae Biscionio, J. U. Doctori Florentino, & celeberrimae Bibliothecae
[p. 641]
Medicae Laurentianae Praefecto, qui mihi e membranaceo Codice MSto Bibliothecae Strozzianae apographum describendum curavit. Erant in eodem Codice alii duo Libri, ab eodem Guidone Auctore conscripti. Prior hunc titulum praeferebat: Liber primus Vassallorum, fidelium hominum, commandorum, terrarum, fictuum, (et) totius redditus filiorum quondam Domini Ugolini de Vallechia, factus seu inceptus a me Guidone Judice quondam dicti Domini Ugolini, sub Annis Domini MCCLXV. Indictione VII, die Veneris, XII, intrante Mense Martii. Alteri hic titulus erat: Haec est memoria facta a me Guidone Judice quondam Domini Ugolini de Vallechia, Instrumentorum veterum, in quibus potest esse aliquid utilitatis, quae inveni in domo, (et) quae nunc habeo, (et) etiam aliorum Instrumentorum (et) Contractuum a me initorum pro me, (et) meis fratribus. Incepta Pisis in domo Hospitalis Carrariae Sancti Andreae in Kinsicha, Dominicae Incarn. Anno MCCLXIX die Veneris, VII die exeunte Mense Januarii. Verum haec, uti privatae rei monumenta, suis tenebris dimisi.

Indice


[p. 642]

1. Testo

Podestà, e Rectori della Città di Pisa nell' Anno di Dio MCCXIV. Messere lo Conte Tedicie fu primo Podestà di Pisa anni tre MCXCI. Messere Ubaldo Visconte fu Podestà anni tre. Cominciaro MCCXIV. Messere Bulfo. Messere Guido Ventriglio. Messere Ranieri Baratura. Consuli mesi XX. cominciaro MCCXVII. Messere Bonaccorso Decan, e Podestà mesi XX. MCCXIX. Messere Alberighetto Pandimigli anno uno. Cominciaro MCCXXI. Messere Ubaldo Visconte. Messere Ilbrando del Sighieri. Messere Guelfo de' Porcari. Consuli mesi XVII. cominciaro MCCXXII. Messere Prouvio di Melano Podestà mesi XIX. MCCXXIV. Messere Orlando Rosso da Parma Podestà anno uno. MCCXXVI. Messere Ubaldo Vesconte Podestà anni due. MCCXXVI. Messere Anibaudo da Roma Podestà anni II. MCCXXIX. Messere Provino di Melano Podestà anno uno. MCCXXXI. Messere Ugo Lupo. Podestà anni II. MCCXXXII. Messere Torello da Strada anno uno. MCCXXXIV.
[p. 643]
Messere Gatto. Messere Gualterotto. Messere Saracino. Consuli anni II. MCCXXXV. Messere lo Conte Guido Podestà anno uno. MCCXXXVII. Messere lo Conte Tegrimo Podestà anni tre. MCCXXXVIII. In del cui tempo lo sole oscurò MCCXXXIX lo primo Venardì del mese di Giugnio. Messere Ugo Rosso Podestà anni II. MCCXLI. Messere Bonaccorso da Padule Podestà anni tre. MCCXLIII. Messere Ranaudo da Macchilonia Podestà anno uno. MCCXLVI. Messere Amico da Strada Podestà anno uno. MCCXLVIII. In del cui tempo fuggitteno li pregioni della pregione di Sancto Piero a Vinculi, li Captani di Versiglia. Messere Bernardo da Faenza Podestà anno uno. MCCXLIX. Messere Herrigo da Rivello Podestà anno uno. MCCL. Messere lo Conte Tomazo della Cierra Podestà anno uno. MCCLI. In del cui tempo fui l'oste del Comuno di Pisa a Serraja. Federigo Imperadore morì lo dì de la festa di Sancta Lucia MCCLI nella Indictione IX Idus Deciember a dì 13 di Diciembre. Messere Alessandro da Calvoli Podestà anno uno. MCCLII. In del cui tempo la sconfitta de i Lucchesi a Ficecchio, e la sconfitta de i Pisani al Pontadera. Messere Fabro da Bolognia Podestà mesi XVIII. MCCLIV. Messere Iacopo dello Avocati Podestà anno uno. MCCLV.
[p. 644]
In del cui tempo lo populo di Pisa si levò, e pigliò la Signoria e tuossela a' Grandi. Messere Jacopo Napuleone Podestà anno uno. MCCLVI. Messere Fabro da Bolognia Podestà anno uno. MCCLVII. In del cui tempo fue la sconfitta de i Pisani à Vecchiano. Messere Alamanno da la Torre Podestà mesi VI. MCCLVIII. Riccardo da Villa Podestà mesi XVIII. MCCLIX. Messere Malcoaudo da Umcibardi Podestà anno uno MCCLX. Messere Atho da Perovano Podestà anno uno. MCCLXI. In del cui tempo fue la sconfitta de' Toscani, cioè de i Fiorentini, e de i Lucchezi, e autri Guelfi loro seguaci a Monte Aperto data loro dal Vicario del Re Manfredi, e da i Tedeschi, ch'erano collui, e da i Senesi. Messere Ghiberto da Giente Podestà anno uno. MCCLXII. In del cui tempo lo Castello di Sancta Maria a Monte divenne in forsa del Comuno di Pisa; e allora fu l'oste del Comuno di Pisa a Ficecchio del mese di Septembre, e d'Ottobre. Messere Jacopo Botticiella da Papia Podestà anno uno. MCCLXIII. Messere Jacopino da Padule Podestà anno uno. MCCLXIV. Messere Guglielmo da Cornassano Podestà anno uno. MCCLXV. In del cui tempo le Castella di Castiglione, e di Cotone funno vincte da l'oste de i Pisani, e venneno in forsa e in bailia del Comuno di Pisa del mese di Luglio. E poi in mezo di quelle Castelle lo Comuno di Pisa fecie fare la Torre dell'Aguila col bailo. Messere Jacopo Boffulo da Parma Podestà anno uno. MCCLXVI. In del cui tempo lo Re Karlo venne ine Regnio allui dato dalla Ecclesia di Roma, e sconfisse lo Re Manfredi, e fu facto Sanatore di Roma, poi ….. Messere Alberto da Turriciella de Papia Podestà anno uno. MCCLXVII. Messere Bartalo da Sasso Podestà anni due. MCCLXVIII. In del cui tempo lo Re Corrado entrò in Pisa MCCLXIX, lo die di Sabbato Sancto, che fue VII dì intrante lo mese d'Aprile. Messere Guido Scarso da Pavia Podestà anno uno. MCCLXX. Messere Andalò da Bolognia Podestà anno uno. MCCLXXI lo quale ci stecte pur mesi cinque, e andossi per paura di Judici di Gallura del vecchio, cioè di Judici Jovanni, e suoi seguaci; e poi lo Capitano del Populo fece l'officio de la Podestaria e Capitanaria. Messere Nicolajo Quirini da Venetia Podestà anno uno. MCCLXXII. Messere Petro Frularni da Bologna Podestà anno uno. MCCLXXIII. Messere Stephano de' Rusticacci Podestà anno uno. MCCLXXIV. Messere Giovanni da Monte Sperello Podestà anno uno. MCCLXXV. In del cui tempo s'incominciò la guerra tra 'l Comuno di Pisa, e li Comuni della compagnia de' Guelfi di Toscana, cioè Luccha, Pistoja, Fiorenza, e Siena, e li autri della compagnia di Toscana.
[p. 645]
Savaragi da Villa Podestà anno uno. MCCLXXVI. In del cui tempo fue la sconfitta ad Asciano de i Pisani data da' Lucchezi, Pistoresi, e l'isciti di Pisa, cioè lo Conte Ugolino, e 'l Conte Anselmo, e Vesconti, e Upesinghi, e autri isciti, e dal Vicario del Re Karlo lo primo Lunedì di Septembre, e funno presi de' Pisani bene IV mila sensa li morti. Testa de i Gerardi da Pergamo Podestà anno uno. MCCLXXVII. Tarlato d'Arezzo Podestà anno uno. MCCLXXVIII. In del cui tempo si fecie la pacie cho li Fiorentini, Lucchezi, Senesi, Pistoresi, e li autri Comuni de la Compagnia de' Guelfi di Toscana, essendo a oste di fuori dal fosso a Rinonichi; e feciesi in del padiglione di Fiorenza; e funno Ambasciatori e Sindichi del Comuno di Pisa Messere Marzucho Iscornigiano, Messere Nicolò de' Benigni, e Messere Guido da Vada; ed eravi uno Legato del Papa, che avea nome Don Velasco. E per quella pacie lo Comuno di Pisa diè al Comuno di Luccha le Castella di Castiglione, e di Cotone, e l'Aguila aveano avuto per furto. E per servare la pacie, impegnò al Papa lo Castello di Ripafacta, che vi stesseno Castellani e Sergienti per lo Papa a soudo del Comuno di Pisa, e in Vico uno Castellano con quattro Sergienti per lo Papa, e cusì in del Castello di Ponteadera, e cusì in del Castello di Marti. E rimaseno stadichi XX de i migliori pregioni Pisani, ch'erano a Luccha, e funno presi a la sconficta d'Asciano; e per istadichi per servare la pacie istetteno in de la Roccha di Sanminiato, e poi in de la Roccha di Radicofani. E lo dì che li Ambasciadori di Pisa andonno a fare la pacie, quelli dell'oste li nemici, ch'erano al Fosso, non potendo passare, che li Pisani, che v'erano, lo difendejano, quando Arno menimò, passonno da cavallo, e da piè da lato a San Giovanni a la Vena, e poi a Canneto da lato di Vaudarno, sì che li Pisani, ch'erano al Fosso, vedendoseli venire, abandononno lo Fosso, e vennerone in isconficta, e furon de' presi e morti di loro, e di quelli di Vaudarno; e de i nemici funno in fine a San Savino, e nondimeno li Ambasciadori andonno. Messere Raynaudo da Riva da Mantova Podestà anno uno. MCCLXXVIII e LXXIX. lo quale fue buono Signiore, e de' più tenuti Signori, che fusse anco a Pisa. Messere Octulino da Mandello da Melano Podestà anno uno. MCCLXXX. In del cui tempo si fecie la Torre honorevile, e bandita mouto bella di Messere Federigo delle Statee, Messere Perchino, Messere Andrea, Messere Cieo, e Messere Guiccio Massella, quando li fecieno Cavalieri. Messere Giovanni di Luccino da Cumi Podestà anno uno. MCCLXXXI. In del cui tempo andò la dicta Podestà con oste e assedio al Castello di Caprona, che v'erano Bercio da Caprona, e li fratelli, ch' erano isbanditi, e autri isbanditi. Messere Rainaudo da Brunforte Podestà mesi sette. MCCLXXXII e morì a Pisa di sua morte del mese d'Agosto. In del cui tempo si incominciò la guerra con ….. MCCLXXXIII del mese di Luglio, e poi compiè l'anno de la dicta Signioria. Messere Guiglielmo del Sighessi da Papia
[p. 646]
Capitano del Populo di Pisa compio l'anno della dicta Signoria, e fecie l'officio della Podestaria, e Capitanaria. MCCLXXXIII. Lo quale Messere Guiglielmo Capitano del Populo condannò Messere Ganibaudo de' Vesconti, e per la dicta cagione poi Messere Jacopo Villano fu privato dell'officio del Consolatico, al quale era chiamato; e poi al dicte officio fue chiamato Messere Cino Villano suo figliuolo. Messere Beutramo de' Cattani da Melano Podestà anno uno, e mese uno MCCLXXXIV. In del cui tempo fue l'armata di Messere Andreotto, de la quale fue Ammiraglio, e fue presa Pianosa, e disfacta per l'armata de le Galee 35 de' Gienovesi, e presi li homini de la Terra, e menati a Gienova per 12 Galee. E l'armata di Pisa, quando trovò Pianosa presa e disfacta, fecie la via di fuora, e andò in Sardignia, e fue Judice Mariano. Judice d'Alborea col suo grande isforso, e Messere Andreotto coll'armata puoseno l'assedio a la Lighiera e preseno la Terra, e la disfecieno. Le galee 22 dell'armata de' Gienovesi, disfacta Pianosa, si tenneno la via dentro inverso Sardignia, e trovonno, e preseno le V navi, che veniano caricate di Sardignia in carovana, e VI Galee ch'erano colloro in guardia, che isfondonno le Galee, e ricoveronno li homini delle Galee in su le navi; e funno prese le navi, e menaro le navi e homini a Gienova. Poi incontenente li Gienovesi fecieno grande armata di più di 50 Galee, e vennero a Porto per iscontrare le Galee de la ditta Armata de i Pisani. Essendo venuta a Porto Pisano l'armata de i Gienovesi, Messere Andreotto coll'armata de i Pisani, salvo che 15 Galee, che la scinara per fortuna di mare non si poteteno giungiere coll'autre Galee, e gironno per la via di fuora, e andonno in Castello di Castro. E saputo l'armata de i Gienovesi, come Messere Andreotto era tornato a Piombino, andò là, e tenea assediato le Galee de i Pisani, che tornonno in Sardignia; e le Galee de i Gienovesi si paronno loro inansi in del canale di Piombino. E venendo a vela le Galee de' Pisani, per forza di vento, o di battaglia scamponno sotto la Roccha di Piombino, salvo tre, che ne piglionno, e uno Galeone. E questo fu del mese di Luglio lo soprascritto anno. Poi quello medesmo Anno lo Comuno di Pisa fecie anco armata, della quale fue Ammiraglio Messere Rosso Buzaccharini, e andò del mese di Septembre coll'armata a Porto Veneri. Ascieseno di quelli delle Galee alcuna parte in terra, e ricievetteno danno, e guastonno l'Isola di Porto Veneri, e tornonno a Porto Pisano. Poi compiuto l'anno del dicto Messere Beutrame in fine a Calende di Giennajo, perché Messere Gherardo da Castelli di Trivizio, ch'era chiamato Podestà di Pisa, non potè venire a l'officio per briga che l'intervenne, che fue assediato in uno suo Castello, e non potè venire a l'officio: Messere Philippo de Tornielli da Novaria Capitano del Populo di Pisa fecie l'officio de la Podestaria infine al mese di Marzo, in el quale venne lo infrascripto Messere Albertino Podestà. In del cui tempo lo Conte Ugolino, e Messere Andreotto funno chiamati, e facti
[p. 647]
Capitani gienerali de la guerra di mare. Messere Albertino Mauroceno da Venetia Podestà mesi sei. MCCLXXXV. In del cui tempo Messere Giovanni Chavarchia fue facto Ammiraglio di 14 Galee, andonno in Sardegnia. Poi lo Conte Fatio fue chiamato, e facto Capitano generale di guerra in tutta l'Isula di Sardignia, e andò in Sardignia in su una grande Nave con molti cavalli e famigliari. E Messere Guido Zaccio fue chiamato, e facto Ammiraglio da i dicti Capitani di 24 Galee, contate quelle 14 de le quali fue Ammiraglio Messere Giovanni Chavarchia, ch'erano tornate di Sardignia. E perché Galee 22 di Gienovesi mosse a Porto Fino passonno da Gorgona: erano andate dirieto a la Nave del Conte Fatio. Le dicte Galee de i Pisani, de le quale fue Ammiraglio Messere Guido Zaccio, andonno di po' loro, e le Galee de i Gienovesi, ch'erano andate assai inanti, trovonno, e giunseno le Nave a Capo Comino, e combattenno la Nave, e presonela per forsa. E tornando le Galee de i Gienovesi co la Nave presa, iscontrò le Galee de i Pisani; e quando videno le Galee de i Pisani, misseno fuoco in della Nave, e combatteteno con le Galee de i Pisani ……. isconfisse, e preseno de nove, e l'altre fuginno di nocte. E questo fue il mese di Maggio. Poi lo sopradetto Mese Albertino Podestà fue facto Signore generale de la guerra di mare, e fece fare la grande armata, e con Galee LXV e XI Galeoni, e con punctoni da farvi dificii, andò sopra Genova, ed ebbeno mal tempo, e corseno a Nissa, e tornonno per la via di Capo Corso a Porto, e puosenosi a la Melora. Li Gienovesi, essendo tornate le 30 lor Galee, de le quali fue Ammiraglio Messere Benedetto Zaccaria con armata di Galee 110 de le quale fue Ammiraglio Messere Ruberto Doria, tennero loro dirieto infine è Porto, e trovonnole a la Melora la Domenica, che 'l Sabbato erano tornate le Galee de i Pisani, e ine combattenno colloro, e fue grande battaglia, e funno sconfitte le Galee del Comuno di Pisa, e prese 27 Galee, e Galeoni, presi bene XI mila homini, morti più di 1285 e fu la ditta isconfitta A. D. 1285 del mese d'Agosto Domenica lo die de la festa di Sancto Sisto, in de la quale battaglia fue preso lo stesso Messere Albertino Podestà, poi … Messere Martino suo figliuolo fu suo Vicario mesi tre e mezo, e quinde intorno, cioè poi che andò in dell'armata del mese di Luglio in fine al dì de la festa di Sancto Luca d'Octobre. Et ebbe la dicta armata di Pisa mouti segni riei, che cadde la Croce in su la Galea de la Podestà al Ponte nuovo, quando si puse lo standale; e l'armata istette in Arno a Sancto Rossore die 18 che non potette uscire di foce. Messere Ugolino Conte di Donoratico Podestà anno uno MCCLXXXV e cominciò lo suo officio lo dì de la festa di Sancto Luca. Lo stesso anno diede a li Lucchezi del mese di Febbrajo lo Castello di Ripafacta, e 'l Castello di Viareggio, perché non facciesseno guerra al Comuno di Pisa; e tennero le Castella, e non lassonno di far la guerra. Poi lo dicto anno del mese di Febrajo lo Conte
[p. 648]
Ugolino si fecie chiamare Podestà e Capitano in termine di dieci anni. E in quello Anno MCCLXXXVI del mese di Giugnio, e di Luglio li Lucchezi venneno a oste contra li Pisani, e fecieno, e puoseno assedio al Castello di Cuoza in prima, e poi al Castello d'Avene, e preseno e rendenosi loro l'uno e l'autro. E le Gienovesi fecieno grande armata in quel medesmo tempo, de la qual fue Ammiraglio Messere Ruberto Spinula; e venne a Porto Pisano, e preseno la Torre della Lanterna, uvero la scuola, che la rendé loro Gainello Rosso, e li Sergienti; perché quelli dell'armata de i Gienovesi, accostandosi a la Torre, mostronno pietre a caucina loro, come la Torre si tagliasse, e in questo modo si rendenno, e in uno tempo era l'armata de i Gienovesi a Porto, e l'oste de i Lucchezi a Cuoza e Avene. Per la compagnia, la quale aveano facta, li Gienovesi co li Comuni di Fiorenza, e di Luccha, la qual fecieno insieme incontenente di poi a la sconfitta de la Melora, e promisseno li Lucchezi, e Fiorentini di far' essere a quella compagnia de i Guelfi di Toscana, e fecienolo. Vero è, che se li Fiorentini fusseno usciti fuore, quando l'armata de i Gienovesi era a Porto, e l'oste de i Lucchezi era ad Avena, e Cuoza, sarebbe abandonato e perduto lo Porto. Ma per la concordia, che fecieno lo Conte Ugolino, e Judici di Gallura, e li Guelfi di Pisa co la parte Guelfa di Fiorensa, li Fiorentini lassono, che non iscitteno fuora, e 'l Porto non si perdé, se non la Torre de la Lanterna. E in del stesso anno Case dieci di dieci grandi Cittadini di Pisa si disfeccieno per parte per la promissione e confederatione, che fecieno co la parte Guelfa di Fiorensa, e voleano assai più di maggior quantità. E in del stesso tempo Messere Andreocto Caudera si fugì di Pisa per paura per uno romore che fue; e andò in Arestano a Judici d'Alborea, e anco lo Conte Nieri. Messere lo Conte Ugolino predicto del soprascritto regiemento X anni fu Podestà, e Capitano anni 2 MCCLXXXVI. In fra quel tempo Messere Guiglielmo de Lambertini da Bolognia fu suo Vicario in offizio della Podestà uno anno. Poi Judicie Nino Judicie di Gallura vuose (essendo cresciuto: andò allora in Sardignia Signore) essere insieme col Conte Ugolino. Messere Ugolino Conte di Donoratico, Messere Ugolino Visconte Judicie di Gallura eletti Podestà di Pisa e Capitani del populo di Pisa in termine di dieci anni funno Podestà e Capitani mesi 18 overo piò MCCLXXXVIII toccò parte LXXXVII, e in parte di LXXXIX fine a Calende di Giugnio. In fra 'l qual tempo Messere Guidoccio de i Bongi da Pergamo eletto in termine d'uno anno Podestà remanente, salvo l'officio del dicto Signore, fue Podestà mesi cinque over più, lo quale officio cominciò del mese d'Outobre MCCLXXXVIII. In del cui tempo Judici di Gallura, e li Vescovi a dispecto e a onta del Conte Ugolino, e degli Upessinghi fecieno venire li Guelfi da Fiorensa, e intrare nel castello del Ponte adera, e pigliarlo a inganno e a tradimento, e caccionno delli homini de la Terra
[p. 649]
per forsa, e tennenolo per la parte Guelfa di Fiorensa; e furo colloro Messere Mondino Paltavolo, e Messere Panocchia della Sassetta. E in del stesso tempo, e ancho inansi, quelli delle parte da Burti vennero più voute a Pisa a pititione del stesso Conte, e Judicie; e quelli de la parte di sopra s'accomandonno e apogionno a Judici di Gallura; e quelli de la parte di sotto s'acomandonno, e apogionno al Conte Ugolino, e a li Upessinghi. E le dicte parte da Buiti moute voute combattenno insieme in Buiti; e Judici, e li Vesconti mandavano ajuto a la parte di sopra; e lo Conte Ugolino, e li Upessinghi mandavano ajuto a la parte di sotto; e a ciò funno mouto acciese le dicte parte, eli stessi signori; e mouti omicidi e mali intervenneno intra loro. Per la qual cosa perché la loro parte ne istava peggio, & per l'autre riffe, ch'erano tra 'l Conte, e Judici, e li Upessinghi, e Vesconti. E perché a Brigata figliuolo ch'era del Conte Guelfo, con suoi compagni ucciseno Messere Gano Scornigiano, ch'era da la parte di Judice, e de i Vesconti, di Lungarno quando tornava a casa, un de' Judici di Gallura, e i Vesconti si levonno a romore contra lo Conte Ugolino, diciendo, e gridando: Muoja, chi non vuole pacie co i Gienovesi. E conosciendo li Pisani, che non lo facieano per parte volere, ma per confondere lo Conte Ugolino, non si levonno a romore per ciò, sì che Judici vedendo, che non puote per quel modo disfar lo Conte Ugolino, tornò a casa sua, e vuosse, che 'l Conte Ugolino, che per l'officio de la Podestaria, e de la Capitanaria stava al Palasso del Comuno, tornasse a casa. E in ciò si tramisseno li Consuli del Mare, e de i Mercanti dell'Arte della Lana, e i Capitani, e i Priori delle sette Arte, e pregonno lo Conte, che torni a casa, e che 'l Conte, e Judicie tutto lo loro officio della Podestaria, e Capitanaria comettesseno in Messere Guidoccino per lo tempo del suo officio, e tornasseno elli a le loro case. E cusì fecieno, e tornonno a casa; e Messero Guidoccino, che stava al Palasso del Comuno, andò a stare al Palasso del Populo. E questo fue lo soprascritto Anno del mese di Diciembre. E tornati a casa, più voute le loro famiglie funno ad arme, e fecieno brigha insieme. E lo soprascritto Anno del mese di Giennajo all'ascita, le dicte parti da Buiti fecieno aparecchiamento grande di combattere insieme, e mandonno per ajuto da ognia parte; e quelli di sopra a Judici, e a i Vesconti; e quelli della parte di sotto al Conte, e all' Upessinghi. E i Judici, e li Vesconti mandonno a Quartigiani da Luccha, che li contavano per conforti e amici, che mandasseno ajuto a li amici loro de la parte di sopra da Buiti; e li Quartigianivi mandonno Jacopo Molarchi con homini da cavallo e da piedi in grande quantitade. Incontenente che giunseno a Buiti, incomincionno quelli de la parte di sopra con quelli de la parte di sotto, che non era anco loro giunto l'ajuto, e caccionnoli fuor de la Terra; e allora li Lucchezi, che vi vennero, intronno in del Castello vecchio di Buiti; & a inde inansi si tenne lo Castello e la Terra per lo Comuno di Luccha. Poi del mese di Febbrajo lo stesso Anno si fecie accordio, e pacie tra 'l dicto Conte, e
[p. 650]
Judicie, istando ciascuno a casa sua. E del mese di Marso avendo la famiglia di Messere Guidoccino preso Coscio di Guido Spessalasta, ch'era stato in famiglia del dicto Conte, ed era in bando, perché nol vuosse lassare a pititione del Conte: lo Conte Ugolino soprascritto fue con Judici, avendo volontà di ritornare in de la Signoria &? amburo, cioè ambidue._ amburo. E intervenuta la dicta cagione, lo stesso Conte, e Judici fecieno la nocte pigliare lo Palasso del Comuno, e intrarvi le loro famiglie, e anco istare le loro famiglie aunate, e con bandiere loro intorno al Palasso del Populo. E la matina armati con tutti cavalieri da Pisa, e Guelfi, e Ghibellini vennero al Palasso del Comuno di Pisa in de la piassa di Sancto Ambrogio, e ismontonno, e introno amburo in Palasso in Signoria; e lo cavallo di ciascuno di loro si levonno ritti malamente, quando iscieseno, e 'l dicto Messere Guidoccino fecieno pagare del suo salare, e miselo fuora della Signoria, e mandonnolo via. E andò lo Conte Ugolino a stare al Palasso del Populo, e Judicie di Galura rimase, e stesse al Palasso del Comuno. Poi del mese Aprile Messere Guiglielmo di Ricoveransa, Messere Puccio Buzaccharino, Guelfo Pandolfino, e Jacopo d'Aldobrando Notajo, ch'erano pregioni a Gienova per loro, e per tutti li autri pregioni Pisani, ch' erano in pregione a Gienova, vennero a Pisa per fare la pacie tra 'l Communo di Pisa, e 'l Comuno di Gienova, che aveano trattato li pregioni del Comuno di Gienova. E perché la pacie fusse mouto grave e impossibile, perché Judici era da lato de i pregioni, e voleala per confondere e disfare lo Conte Ugolino, che non la volea elli, né anco tutti quelli, che savi erano a Pisa, perché parea loro impossibile a poterla fare: lo Conte Ugolino per non volersi recare romore e grido di Populo adosso, né incontra consentire, che si recasse a Consiglio maggiore in Duomo, quine si fermò, e prese, che si faciesse per quello trattato, ch'e' pregioni aveano fatto co i Gienovesi. E fu fatto Sindico Messere Ranieri Sampante, e mandato a giurarla, e andò a Gienova, e giurolla, e fermolla secondo la forma del dicto trattato. Poi in del dicto Anno del mese di Giugnio a l'ascita, Messere l'Arcivescovo Rugieri, e Messere Cacciameo di Bonifatio, Messere Bonacorso Guberta, e Messere Gado del Pelajo, e Messere Bonacorso Piovano da Sancto Casciano, e Messere Jacopo Piovano da Sovigliano, e Messere Guido Priore di Nicozia, e Messere Nieri di Vanni, e Messere Guido Zaccio, e Messere Bacciameo, e Messere Baccio da Caprona con autri capi Ghibellini di Pisa, avendo fatto addunamento di fanti di Collina, e di Vaudiserchio, e da Ripafatta si levonno conta Judici Nino, e Judici di Gallura, ch'era Podestà, e Capitano in del Palasso del Comuno, per volerlo cacciare de la Signoria, con saputa e volontà del Conte Ugolino, ch'era Podestà, e Capitano co lui, e istava al Palasso del Populo, ed era allora a Septimo. Vedendo lo dicto Judici, e li suoi conforti, e li autri, che tenejano co lui, l'adunamento de la dicta giente, lo poscajo dì del mese di Giugno, e avendo mandati più messi a Septimo al Conte Ugolino, che tornasse, e non tornando, lo
[p. 651]
dicto Judici e li suoi conforti e seguaci, deliberato consiglio tra loro, lo dicto die in dell'ora del mezo dì montonno armati a cavallo, e escinno fuor di Pisa, e andonno a Cauci. Li sopradicti capi de i Ghibellini co lor giente escinno fuora, e vennero da la Corte, e intrò l'Arcivescovo in del Palasso del Comuno, ed ebbeno le chiave delle porte, e fecieno serrare le porte de la Città. Enansi che l'Arcivescovo intrasse in del Palasso, andonno li dicti capi a casa del Conte Ugolino, e vousseno, che Brigata nipote del dicto Conte, figliuolo del Conte Guelfo, venisse, e intrasse in del Palasso del Comuno; e voleavi andare e intare, se non fosse, che 'l Conte Gaddo figliuolo del sopradicto Conte Ugolino li disse: Non andare, Brigata: aspetta lo Conte, che torni da Septimo; e perciò Brigata lassò, e non v'andò entro. E da che non vousse venire, l'Arcivescovo v'intrò, e mandonno a Septimo per lo Conte Ugolino, che tornasse. E quello medesimo die poscajo di Giugnio in dell'ora del vespro lo Conte Ugolino tornò a Pisa; e da che vidde, che l'Arcivescovo era in Palasso, fue molto torbato, e dimandò, e disse, ch'elli volea essere solo, e libero Signore, come era. E l'Arcivescovo, e li dicti capi de li Ghibellini disseno, che voleano, che l'Arcivescovo fusse suo compagnio, in dell'officio, e Signore insieme co lui. E lo Conte disse, che non volea; e se non fusse contento di lui, disseno, che li voleano dare un'autro compagnio, che fusse Ghibellino. E se non si contentasse d'autrui, che fusse lo Conte Aldribandino di Santa Fiore, ch'avea la nipote per moglie. E sopra queste cose trattaro, e accordaro. Lo dicto Conte, e l'Arcivescovo l'autro die di Calende Luglio la matina funno insieme in de la Chiesa di Santo Bastiano, e non s'acordonno la matina, e doveanovi tornare di po' Nona. Poi di po' Nona intendendo l'Arcivescovo, e li dicti capi de i Ghibellini, che Brigata era andato al Ponte de la Spina, e avea con suoi fanti prese iscafe per volere mettere dentro Messere Tieri da Bientina, ch'era venuto ben con mille homini inanti del Conte, temendo d'essere ingannati e traditi, ansi che mettesseno dentro, levonno lo romore a l'arme, a l'arme; e apparecchionosi, e funno a la battaglia l'una parte, e l'autra; e sonò la Campana del Comuno da la parte de l'Arcivescovo, e la Campana del Populo da la parte del Conte Ugolino. E fu la battaglia grande a cavallo e a piè, e di fu le Torre e de le Case per la Carraja dà l'una Corte, e Palasso a l'autro, e per la Carraja di Sancto Frediano, e per la via di Sancto Bastiano, e per l'autre vie; e fuvi morto Messere Atho nipote de l'Arcivescovo, e durò la battaglia quasi da di po' Nona in fine a presso a di po' Vespero; e a la fine la parte del Conte Ugolino perdette; e rinchiusenosi in del Palasso del Populo tutta la sua giente. E l'Arcivescovo, e li dicti capi de i Ghibellini, e lor seguaci con fuoco, e per battaglia vinseno lo Palasso del populo, e preseno Lo Conte Ugolino, e li figliuoli, e li nipoti, e tenneroli sostenuti, e presi; e feciono loro mettere li ferri, e teneree guardare presi in del Palasso del Populo più di XX dì, in fine che fu acconcia la pregione della Torre de i Gualandi da sette vie. E poi ve li fecieno
[p. 652]
mettere entro in de la dicta pregione, che fu poi chiamata la Pregione della fame, E lo sopradetto die de la battaglia lassono li Upessinghi, e li autri tutti, che funno presi in del Palasso del populo col Conte Ugolino, e 'l venerabile Padre Messere Rogieri de Ubaldini Arcivescovo pisano fu fatto e eletto Signore, e Rectore, e Governatore del Comuno di Pisa, per se e suo Vicario mesi cinque, o più. Messere Bonacorso Gubetta di Ripafatta fu suo Vicario mesi tre, o in quel contorno A. D. MCCLXXXIV. Di po' questo li Upessinghi, ch'erano in Pisa, si partinno incontenente di Pisa; e quelli, ch'erano di fuora, insieme intronno in del Castello di Caucinaja; e anco di loro n'entronno in del Castello di Lari, e ribellonnolo. E li Guelfi di Peccioli in fine lo primo dì che fue cacciato Judici di Gallura, caccionno di Peccioli tutti li Ghibellini, che v'erano; sì che le Castella e Terre tutte di Vaudera, salvo che Morrona, e Crespina, erano perdute: che di po' la sconfitta de la Meloria li Fiorentini aveano presa e occupata tutta la Vaudera, exciepto che Peccioli, e Morrona; e Messere Arrigo dalla Toza l'avea tenuto per lo Comuno di Fiorenza; e Marti teneano li Upessinghi; e Palaja, e l'autre Castella guadagniate di po' la sconfitta della Melora, avea prese e occupate, e eranosi rendute al Vescovo di Luccha, e poi non …… avute lo Comuno di Pisa in del tempo della Signoria del Conte Ugolino. Judici di Gallura, poiché fu cacciato, e andato a Cauci, e preso lo Conte Ugolino, istando a Cauci di pochi dì vennero a lui li Lucchesi, e Fiorentini de i maggiori e migliori de la lor Terra, e de li Ambasciadori de i Comuni di Fiorensa, e di Luccha. Vero è, che istette in trattato di concordia co i Pisani ben XV dì; e da che non si potette fare la concordia, li Lucchesi, e i Fiorentini mandonno a Cauci a lui cavalieri e pedoni in grande quantitade, e feciono lega e giura co lui. E li Buitesi de la parte di sopra, e Calcisani con giente di Judici piglionno la Vecha, e la Torre di Caprona. E istata la giente de cavalieri e pedono Lucchesi e Fiorentini a Cauci alquanti dì senza alcuno isfidamento di guerra fare al Comuno di Pisa, e a i Pisani, lo dito Judici, e li Vesconti, e li loro seguaci co li diti cavalieri e pedoni Lucchesi, e Fiorentini, ed ellino co loro, passonno in Vaudarno, e arseno, e misseno a incendio case, e palassi; e più dì, e più volte vi passonno, e arseno quasi tutte le case di Vaudarno. E venneno infine a Riglione, e alquanti di loro infine a Sancto Marco, perché in Pisa avea pochi cavalieri; e perciò li fecie lo fosso a Sancto Marco; e Ghibellini dentro a furore misseno mano a disfare le case de' Guelfi, e da inde inansi si disfecieno; e cierti Nobili ucciseno certi populari Guelfi. Unde l'Arcivescovo, e cierti capi di Ghibellini, che menavano la Terra, mandonno per cavalieri d'ognia parte, che venisseno in ajuto del Comuno di Pisa al suo soudo; e venendo lo Conte di Roma figliuolo del Conte da Ylci con cavalieri di Maremma, e con cavalieri di Roma in quantità di 600 cavalieri a Pisa in ajuto del Comuno di Pisa al suo soudo per la via di Maremma, udendo Messere Inghirrame Conte da Biserno la loro
[p. 653]
venuta, si partì da Biserno con sua famiglia, da cavallo per la via di Collina, e andò a Caucinaja, e passò a Montecchio, e tenne per la via da Bientina, e da Buiti, e per li monti di Buiti venne a la Verruca, e sciese a Cauci; e fu con Judici, e li Vescovi co li cavalieri, c'erano a Luccha, e di Fiorensa; e disse loro l'avenimento de' ditti cavalieri a Pisa, e le loro conditione, sì ché per la dicta via da Calci menò tutti li cavalieri e pedoni, che v'erano, e passonno a Caucinaja, e inde menonno co loro li Upessinghi, che v'erano, e tennero su per la Fossa nuova a Vicarello. E quando funno a Colle Salvetti, iscontronno li dicti cavalieri, che veniano a Pisa; e lo dì della Vigilia di Sancta Maria a mezzo Ogosto combattenno co loro, e isconfissenoli, perché lo Conte di Roma co la sua giente non ferì a la battaglia, ma fuggì, e tornò indietro; e quelli non seguitteno la caccia per paura de li Pisani, che traggieano, e ritornonno a Caucinaja la sera. Poi lo Conte di Romania, e li cavalieri, che iscamponno, che funno da 450 vennero a Pisa, e li Pisani incavallati, e autri cavalieri accattati a soudo, sì che in Pisa avea outra 500 cavalieri. Essendo li cavalieri mancati a Judici, li Pisani una notte cavalconno a Cauci, e non intronno in della Valle, e un'autra notte poi cavalconno anco a Cauci, e a la randa del die intronno in della Valle; e della giente di Judici isbarattonno, e uccisono da piè e da cavallo, in tra quali fue morto Giovanni Ciaura da Luccha. E Judici, e li Vescovi a grande corta e pena ricoveronno in del Castello dell'Arcivescovo; e se non fusse grandissima acqua, che allora piovve, erano a grande conditione tutti di scampare, e anco perché non vi pottero stare per paura, che i Lucchesi non vi tragiesseno: unde Judici e li Vescovi non ci confidonno più di stare a cauci, e andonnone a stare a Luccha. Del mese di Septembre a la scita lo Comuno di Luccha coll'ajuto de i Fiorentini, Senesi, e Pistoresi, e Judici di Gallura, e li autri isciti di Pisa, vennero a oste al Castello d'Asciano, e stando ad assedio del dicto Castello bene uno mese, fecieno colla stipa la via per lo padule, e con le Castella di legniame, e con gatti fenno sì d'intorno al Castello d'Asciano, che li Capitani, e gli omini, che v'erano dentro, vedendo che non si poteano tenere, né difendere, rendenno lo Castello al Comuno di Luccha, salve le persone e l'avere del mese d'Octobre a la scita. E quello medesmo die, che si perdé Asciano, lo Comuno di Pisa, e i Pisani ricoveronno ed ebbeno lo Castello di Vada, che in quel tempo l'avea preso Messere Inghiramo da Bizerno. E a quel tempo di qua da Ciecina non si teneano per lo Comuno di Pisa se non tre Castella, Vico, Morrona, e Crespina. Poi del mese di Diciembre li Pisani cavalconno a Buiti, e i Vicalesi menaro co loro, avendo intendimento da alcuni Buitesi d'avere la Valle, e la Terra di Buiti; e funno al Castello vecchio di Buiti; lo preseno per forza, che v'erano Segienti per lo Comuno di Luccha, e presi ne li mandonno a Vico. E preso lo Castello vecchio, li soudati del Comuno di Pisa intronno in della Valle, e incomincionno a rubare, unde li Buitesi trasseno su per li monti e colli, gridando a Valle,
[p. 654]
a Valle. Li pedoni n'erano cominciati a partire, e non erano a schiera; li cavalieri vedendo soli venire sopra a capo, e ferire, e percuotere colle lancie, e sendo già li pedoni in rotta, discieseno, e si reconno al piano; ed essendo in del piano, e volendosi fermare di fare ischiera, per lo mal tempo, ch'era stato a quelli dì d'aquasione, si ficcavano li cavalli: unde li Buitesi vedendo ciò, disceseno in ver lo piano, e missenoli in isconfitta; e ricousenosi li cavalieri su per la Fossa Lucciera in ver Bientina; e li Bientinesi iscitteno fuora con lancie e balestra loro adosso da l'autro lato della Fossa, e per li Buitesi funno morti de' cavalieri e pedoni, anco per li Bientinesi, e funno presi de li omini da capo presi per li Buitesi. Da Messere Bonacorso Gubetta da Ripafacta, Baldino da panico Nipote dell'Arcivescovo, Messere Gaddo da Caprona, Nino Istrambo, ch'era Ansiano, Messere Gaddo Bercio, e autri più, Messere Gualtieri da Brunforte Podestà fu eletto anno uno. Istette nell'officio mesi sei, il quale venne a Pisa, nel mese di Diciembre A. D. MCCLXXXIX. Per la quale isconfitta da Buiti lo Comuno di Pisa, e li Pisani mandonno Sindico e Ambasciadore al Conte Guido da Monte Feutro, ch'era in Asti a confine, per averlo per Signore, e andovvi Jovanni da Campiglia Sindico e Ambasciadore del Comuno di Pisa, e Tignioso da Campiglia Notajo co lui. E lo dicto Messere lo Conte acceptò l'officio de la Signoria di Pisa, libera e gienerale d'essere Podestà, e Capitano del Populo, ed essere Capitano gienerale di Guerra in termine di tre anni a salaro di fiorini X mila per anno con 50 cavalli d'arme, e 30 ronsini. E tanto vi stetteno lo Sindico, e 'l Notajo, che ne vennero co lui; e venne da Gienova in qua per mare; e lo dicto Messere lo Conte Guido giunse in Pisa a dì 13 di Marso, al quale fue facto grandissimo honore d'armeggiare, e d'autro. Quando lo dicto Messere lo Conte Guido giunse in Pisa, lo Conte Ugolino, e 'l Conte Gaddo, e Uguccione suoi figliuoli, e Nino dicto Brigata figliuolo del Conte Guelfo, e Anselmuccio figliuolo del Conte Lotto suoi nipoti, ch'erano in pregione in della Torre de' Gualandi da sette vie, erano in distretta di mangiare e di bere per la posta della moneta di libre V mila, ch'era loro imposta, che ne aveano pagate tre altre imposte. E fu dicto al Conte Ugolino da Neze a Marti, che se non pagasse, u pagasse, era dicto, che dovesseno morire. E quando lo Conte Guido giunse in Pisa, già erano morti lo Conte Gaddo, e Uguccione di fame; e li autri tre morinno quella medesma septimana anco per distrecta di fame, perché non pagonno. E da inde inansi la dicta pregione si chiamò la Pregione e Torre della fame; e dissesi, e credeasi, che se 'l Conte Guido fusse giunto in Pisa, inansi che fusseno cominciati a morire, u che fusseno così venuti meno, che non aré lassato né patito, che fusseno morti per quello modo, che li aré iscampati da morte. Messere lo Conte Guido da Monte Feutro Podestà di Pisa, e Capitano del Populo, e Capitano gienerale di Guerra del Comuno di
[p. 655]
Pisa, fu tre anni a salario di X mila fiorini d'oro per anno, con cavalli 50 d'arme, e 30 ronsini A. D. MCCXC. E poiché venne e stette a Pisa bene uno mese, furono a lui giunti fiorini 2 mila per anno. Lo quale venne a Pisa a dì 13 del mese di Marso MCCLXXXIX, e incominciò incontenente a fare l'oficio del Capitaneatico de la Guerra: unde Messere Gualtieri da Brunforte Podestà, ch'avea a stare in dell'oficio ben V mesi u quinde &? u qnde, cioè o incirca._ intorno, e l'oficio della Podestaria e Capitania di Populo dovea incominciare di po' finito l'oficio del dicto Messere Gualtieri, vedendo, che al Conte era e andava tutto l'oficio del mese di Luglio a la intrata si concordò col Comuno di Pisa di lassar tutto l'oficio al Conte Guido, e fue pagato di tutto lo suo salare, e tornò a casa, e a la Terra sua. Quazi incontenente, u di poco che 'l dicto Messere lo Conte Guido giunse a Pisa, li Ghibellini di Vaudera da cavallo, e da piè, che si riducievano a Morrona, co li quali fue Nieri di Janni Conte da Donoratico, e Tauduccio da Sanminiato, andando per la contrada, si trovonno co la Masnada da cavallo e da piè, ch'era in Pecioli, de i quali era capo Nieri di Mainetto, a Monteculaccio, e visonnosi insieme, e combatteno. Ghibellini della nostra parte isconfisseno li Guelfi, che erano più giente assai da piè, avegnia che nostri fusseno pochi più da cavallo; e funnone uccisi e morti assai de' nimici, e anco presi de i pedoni, che cavalieri poco danno ebbeno, che fuggino. E questo fue lo buono incominciamento e principio, che fue in tempo del Conte predicto. Et quazi incontenente che 'l sopradicto Messere lo Conte fue a Pisa, fecie chiamare, e fare in Pisa bene 3 mila balestrieri, e comperare le balestra, e imparare a balestrare, sì ché quasi in meno di due mesi funno diventati buoni balestrieri. E la prima cavalcata, che fecie fare lo dicto Messere lo Conte, e Messere Sansettino suo Cavalieri co la masnada da cavallo, e co li balestrieri, fue al Castello di Lari, e vinseno lo dicto Castello quello medesmo dì per battaglia, e forsa de le balestra. E da inde a pochi dì mandò, e fecio cavalvare la dicta giente in Vaudera, e combatteno lo Castello di Sojana, e piglionnolo, e ebbenolo per battaglia; e poi ebbeno, e rendennosi al Conte, e al Comuno di Pisa lo Castello, e le Terra di Sancto Pietro; e in quelli dì s'ebbeno, e rendennosi tutte l'autre Terre d'intorno di Vaudera di sotto. Et a inde sorse a tre mesi si rendé al dicto Messere lo Conte, e al Comuno di Pisa lo Castello di Chianni: sì che in breve termine di po' la venuta del dicto Messere lo Conte Guido tutte le Castella e Terre della Vaudera di sotto funno e vennero a i comandamenti del dicto Messere lo Conte, e del comuno di Pisa. Poco tempo di po' la sua venuta a Pisa lo dicto Messere lo Conte colla masnada cavalcò, e co li balestrieri, e col Populo andò più voute a Cauci, e prese tutti li campanili e fortesse della Valle di Cauci, e tutta la Valle, e fecie disfare tutti li campanili e fortesse della Valle dal Castello maggiore, e autre, salvo che 'l campanile de la Pieve,
[p. 656]
e 'l Castello dell'Arcivescovo. E anco pigliò la Torre di Caprona, che si tenea per li nimici, e fornilla, e fecie fornire d'omini e di fornimenti. Lo dicto anno poi del mese d'Agosto lo Comuno di Lucca con ajuto de' Fiorentini, Senesi, Pistoresi, e li autri della compagnia de' Guelfi di Toscana, e li sciti di Pisa, fecieno lo grande oste ed exercito, e vennero per la via d'Asciano in Mezana, e in del piano di Cauci; e guastonno tucta quella contrada, e Caprona, e combattenno la Torre di Caprona, e istettenovi a la dicta Torre ad assedio dì VIII. E quelli della Torre la rendenno loro a patti, salve le persone: unde lo Conte li fecie isbandire di grave bando, perché la rendenno a parti. E di quinde l'oste tutta per la via di Piemonte andò a Vico, e guastonno tutto Vico intorno di vignie, e d'ulivi, e case, e stettenovi dì VIII. E tornò l'oste a casa a le Terre loro incontenente di po' li dicti otto die. Poi lo sopradicto anno del mese di Septembre a lascita Messere lo Conte Guido mandò Messere Arrigo di Bretenoro suo Cavalieri, e Ser Nero da Magliano suo Notajo a Piombino, e ine stetteno pochi dì, e fecieno disfare le case de' Guelfi di Piombino, ch'erano ribelli, e istetteno ine a difensa e guardia di Castiglione. E istando in Castiglione, lo dicto Messere lo Conte mandò in Maremma di quelli della masnada di 150 in 200 cavalieri, de i quali funno Capi, e Vicarj lo Conte Nieri, e Messere Bacciameo di Bonifazio dei Gualandi; & andonno a Castiglione. Quando funno venuti in della Terra, Messere Arrigo da Bretenoro sopradicto, e Messere Nero fecieno armare tutti li Castiglionesi, e con li dicti cavalieri, ch'erano venuti, e con li Castiglionesi lassati a guardia della Terra, Ser Nero sopradicto, e Bue Gatto Podestà della Terra con omini vecchi tanto, la mattina per tempo iscitteno di Castiglione, e con la dicta giente andonno al Palasso di Grossetto, ch'era su la focie di Castiglione presso a Castello di Castiglione per due balestrate, che si chiamava isteccho in occhio a Castiglione, e combattenno lo die più voute. E quelli del Palasso fenno, che li Grossetani li soccorresseno. E quando venne la sera, quelli del Palasso si voussero rendere salvo le persone; e Messere Arrigo non li vousse ricievere: che fue tenuto meno che senno, ma grande follia. Li Grossetani vedendo lo fumo, e avendo le novelle, con tutto loro isforso di pedoni e di cavalieri trasseno la sera e la notte, sì che la mattina per tempo funno ischierati in del tombulo presso al Palasso. Messere Arrigo vedendoli venire, con la giente del Comuno di Pisa si partì dal Palasso, e feciensi e andonno loro incontra, e ischieronnosi in del tombulo. Ed erano quelli di Grosseto bene 2 mila pedoni con pavesi e giacude, più forte che uno muro, ed erano bene 200 cavalieri u quinde atorno. Messere Arrigo iscieuse XXV feridori de' migliori della masnada, e fue l'uno di quelli, e andò a ferire adosso a i pedoni per disserrarli. Quelli di po' li pavesi istando, li ricevetteno in su le giaude, e uccisenoli, e infilsono tutti; e fuvi morto Messere Arrigo, e de i migliori della masnada, e quasi quelli XXV funno tutti morti. E la schiera de i nostri cavalieri, che dovea ferire,
[p. 657]
vedendo cusì cogliere a li servidori, tenne outra, e non ferì, e vouse in ver Castiglione, e funno in rotta; e li maggior parte di loro passonno di qua la focie Frediprata, e con alquanti cavalieri si ressono in su la focie. E i Grossetani da piè e da cavallo usciti di schiera, ed erano feriti adosso a' Castiglionesi, e uccisene ben XL. Quelli, che avea la bandiera di Messere Jovanni della Penna, ched era di quelli cavalieri de i Pisani, ched erano ritti su la focie salendo con la bandiera di Cione da Grosseto, disse a quelli, che avea la bandiera di Cione da Grosseto bandera per bandera, e ferillo con la bandiera, e gittollo a terra da cavallo con la bandiera. Li cavalieri de i Grossetani vedendo abattere quella bandiera, quelli ch'erano via dirieto, e cavalieri e pedoni incomincionno a fugire; e li cavalieri de i Pisani, ch'erano su la focie, ferinno adosso loro; e lia utri, ch'erano di qua, ripassonno di là. E vedendo ciò, ferinno anco, e misenoli in isconfitta, che non resseno tratto. E funno li Grossetani tutti isconfitti; e durò la caccia bene V miglia; e funno de' Grossetani morti bene 600 e presi più di 400, e menati poi a Pisa in sur una Galea per li Piombinesi. Queste cose avvennero del mese d'Ottobre a la scita quasi fu Ogniasanti. Del mese veramente di Gennajo u di Ferrajo in del sopradicto Anno lo dicto Messere lo Conte Guido mandò Messere Sanssettino, e Gualtieri di Romagna suo Cavalieri con la masnada da cavallo, e con grande quantità di balestrieri di Pisa, e con li Ghibellini di Vaudera da piè e da cavallo, al Castello di Montecchio di Vaudera. Lo Castello sudetto ebbenolo per forsa e battaglie, e tra gli autri, che vi funno presi, vi funno presi Messere Albiso de i Rossi, che 'l tenia. Poi del mese di Marso, u d'Aprile, u quinde apresso, a lo 'ncominciamento dell'autro Anno MCCXCI tre Conostabili de la masnada del Comuno di Pisa, Maestro Giordano, Giano da Figbini, e Sauci da Vinci con quelli de le loro bandiere mandati dal dicto Messere lo Conte Guido in Vaudera, cavalcando per la contrada, s'iscontronno con la masnada da Peccioli da cavallo; e quine si riducievano, e funno assai più cavalieri li nimici da Peccioli, che non erano quelli della masnada del Comuno di Pisa; e combattenno insieme, e funno di loro molti morti e presi, intra i quali fue morto Duccio Manzuola de i Vesconti, e preso Messere Mandasco Vesconte; e da inde inansi launque si trovonno insieme li nimici, e quelli della masnada di Pisa, e li meno, e più, erano isconfitti, e perdeano. In del sopradicto Anno MCCXCI, a la scita del mese di Giugnio Messere Aymberrigo di Nerbona Capitano dei cavalieri della taglia di Toscana, che fue loro lassato e dato dal Re Karlo Secondo, con tutti li cavalieri de la taglia, e con li cavalieri di Fiorensa, Luccha, Siena, Pistoja, e de li autri Comuni, e Terre della Compagnia de i Guelfi di Toscana, con li sciti di Pisa, che funno tra tutti bene 2 mila cavalieri, con pedoni in grande quantità fecieno oste, e andonno a Porto Pisano per la via di Collina; e 'l Conte Guido con de i Pisani de la masnada li andonno a provedere al Ponte di Sacco, che passonno per lo scoperto di Treggiaja; e credettesi, e dissesi, che 'l Conte con la masnada
[p. 658]
in della via di Collina ad alcuno reducto li assaglisse, e combattesse con loro; poi li parve troppo grande risco. E ansi che l'oste fusse giunto a Porto, e per mouti dì, ansi che venisse, lo Conte fecie disfare lo fondaco da Porto, e le case tutte; e anco fecie mettere a fuoco e ardere tutto Livorna, perché l'oste di terra non vi potesse istare in de le case. E l'armata de i Gienovesi, perché non era potuta compiere la pacie, ch'era facta co i Gienovesi (tante, e sì grande cose erano promesse, sicome di sopra indel Conte Ugolino si dicie) venne al Porto. Essendo l'oste de i Toscani in terra, e l'armata in mare, conbattieno li Gienovesi le torri del Porto, e accostonosi co i gatti a la Torre Malterchiata e taglionnola di sotto, e missenola in pontelli; e per tutto ciò non si vousseno rendere. Misseno lo fuoco in dei puntelli, e fecieno cadere, la Torre, ed ebbeno quelli, che iscamponno, e non morinno, pregioni. Quelli dell'autra Torre del Porto vedendo ciò; e che non poteano avere soccorso né ajuto da Pisa, rendenno la Torre a i Gienovesi, salve le persone. Avute le Torre, le disfecieno, e disfecieno tutto lo Porto, e portonnone li Gienovesi, e i Lucchesi le catene de le porte. E istando la dicta oste de' Toscani a Porto, e l'armata de i Gienovesi ine, ansi che 'l Porto si prendesse, lo dicto Messere lo Conte Guido con la Masnada tutta, e con i Pisani da cavallo, e da piè, e balestrieri, e tutti altri lassati in Pisa a guardia con omini vecchi, e Judici, e Medici, e con li contadini di Vaudarno, Podere, Upessinghi, Piemonte, Cauci, cavalcò, e intrò per la via d'Asciano in de la Valle di Massa, e arsevi Massa, e la contrada; e andò la schiera dinansi in fine a Ponte tetto, e la sera tornò a Pisa; e feciesi quello guasto, che potette in Arno; e lassò li cavalieri a la guardia del Castello d'Asciano, che si tenea per li nimici. E un autro die istando anco l'oste a Porto andò con tutta la dicta giente lo sopradicto Messere lo Conte a Buiti, e introssi in della Valle, e arsesi in fine al mezzo; e se si fusse entrato di sopra, bene da ognia lato sarebbe arsa e messa a fuoco tutta la Valle, e presi delli omini. E funnovi de i contadini, e cittadini di Pisa morti bene 12 per non sapersi guardare; e la sera tornò a Pisa con tutta la giente. E in prima, e d poi per moute cavalcate, e aguaiti, che mandò e fecie ponere a Buiti, e a i Buitesi, ne funno mouti presi e morti de i Buitesi; e fecieno più voute appiccare, e fare grande istrasio di loro. Poi del mese di Novembre lo ditto Messere lo Conte Guido trattò in prima con Preite Buonaguida, e Maestro Falcone, e Puccio di Nuguo, e autri delli sciti di Calcinaja, poi con tutta la giente di Pisa da cavallo e da piè, salvo quelli, che rimaneano a la guardia, e con i contadini di Vaudarno, e di Piemonte, e del Podere, e con cierti da Vico, e con li sciti di Buiti, cavalcò la sera per tempo (che di notte andò la giente) in Vaudarno, e fecie scegliere da 300 fanti, e omini da vantaggio de le persone, cioè de li sciti di Caucinaja, e de li omini da Vico, e de li sciti di Buiti, e da Cascina; e la notte andò inansi secretamente in ver Caucinaja di fuor dal fosso, e puosenosi in guaito in più parte
[p. 659]
presso del Castello; e alquanti di loro portonno uno nogulo adosso. E quando parve loro ora, che dormisseno le guardie, misseno lo nogulo in del fosso pianamente, e passonno lo fosso, e con iscale di fune, che puoseno a le mura, montonno, e saglinno in su le mura. E Preite Buonaguida fu lo primo, che vi salitte, e funno di su le mura più di 7 ansi che le guardie li entisseno. E quando le guardie levonno lo romore, li autri, ch'erano dintorno, passonno lo fosso co le scale de legnio, e montonno su le mura ben 100 ansi che li Upessinghi, ch'erano dentro, e cinquanta Soudati, che v'erano per lo Conte Guelfo, fusseno armati. E levato lo romore, e fatto lo segnio, ch'era ordinato, lo Conte con tutta la masnada e la giente, ch' era dentro dal Fossi Arinonichi, trasse, e funno d'intorno a la Terra. E quelli, ch'erano in su le mura, vedendo traggiere lo Conte col'autra giente, fue incontenente presa la Terra, e 'l Castello di Caucinaja; e funno presi li Upessinghi tutti, che dentro v'erano, e Messere Gualtieri da Caucinaja morto, e presi Naudo da Fojano Conestabile, e li autri L foudati, che v'erano per lo Conte Guelfo, e cierti di Caucinaja, ch'erano tenuti Guelfi, e più amici de li Upessinghi; e funno tutti messi in della pregione de la Torre de' Gualandi da sette vie, ditta Torre della fame. E fecievi fare lo Conte lo muro del bailo d'intorno perch'erano meglio guardati; e li autri fecie mettere in della pregione della Torre dei Famiglitti da Duomo. E funnovi presi mouti arnesi, e mouta robba; e tutta la fecie lo stesso Messer lo Conte Guido venire in comuno, e seguitonne a lo Comune di Pisa, sensa l'autro, grande utilità d'avere. Autro anno vegniente poi MCCXCII del mese di Diciembre la notte sopra la Vigilia di Pascua di Natale lo stesso Messere lo Conte Guido da Monte Feutro avendo facto trattato inansi con Maestro Falcone da Calcinaja, e lo ditto Maestro Falcone con Orso da Possale, ched era in bando del Comuno di Pisa, e Corso da Possale suo sio, lo quale Orso essendo in bando, e mostrandosi mouto Guelfo, si riduciea in del Castello di Ponteadera, cavalcò, e andò la dicta notte con tutti li cavalieri, ch'erano in Pisa soudati, e autri, e balestrieri, e tutto l'autro populo, lassati cierti vecchi, e Judici, e Medici a la guardia de la Città di Pisa, dentro dal Fosso Arinonichi, e cierti omini da piede asciouti in quantità di 300 fanti da Vico, da Cascina, e da Caucinaja, e de li sciti di Buiti mandò inanti a la Terra con Maestro Falcono. E la sera de i Sergienti, che istavano in del Castello di Ponteadera per lo Comuno di Fiorensa, n'erano isciti per andare a guadagniare da 50. Andonno al Castello di Ponteadera, e giungiendo presso al Castello sentinno, come Orso era su una Torre a lato al cantone di ver l'era. Levò lo romore la Terra tra la mezza notte e 'l mattino; e questi 300 fanti funno d'intorno incontenente, e fecieno segnio a la Torre di Caucinaja, e quella di Caucinaja a la Torre di Rinonichi, com'era ordinato; e 'l Conte colla cavallaria, e con giente tutta incontenente trasse al ditto Castello di Ponteadera, e fuvi d'intorno. E lo sopradicto Orso, ch'era in su la Torre, sentendo la giente venuta, incontenente a uno, ch'era su la Torre per guardia, diede
[p. 660]
in su la testa, e misenelo giù per morto, e chiuse lo portello della Torre, ch'era chiusa dentro, come di fuora, e difesesi valentemente da quelli, ch'erano in su quell'autra Torre, e in su le mura. E li balestrieri Pisani l'ajutonno molto per lo balestrare, che fecieno a quelli dentro delle Torre, e de le mura, e li difeseno. Messere lo Conte Guido fecie comandare a li Ficiali suoi, che faciesseno mettere de noguli in del fosso, e passonno fanti da vantaggio, e con iscale di fune montonno sulla Torre là v'era Orso, e non vi poteano montare per quelli dell'autra Torre, e delle mura, in fine che non si puoseno le scale dintorno intorno, perché omini, che v'erano dentro pochi, non si poteano difendere. E fu preso lo ditto Castellano e avuto in forsa del dicto Messer lo Conte, e del Comuno di Pisa, e funnovi morti dentro mouti omini per li Uberti, e autri Fiorentini, e preso Messere Guido Cingarelli de i Rossi; e gli autri, che iscamponno, funno messi in pregione. In del sopradicto anno ansi la dicta presura del Castello di Pontadera, del mese d'Agosto, o di Luglio, Judicie Nino Judici di Gallura con 500 homini da cavallo della taglia di Toscana si reducieano, e tornavano in del Castello del Ponteadera per fare guerra al Comuno di Pisa, e al Contado. Messere lo Conte Guido con tutti li soudati, e la cavallaria tutta di Pisa una sera a tardi cavalcò per la via di Collina, e fecie mettere a guasto in più luoghi in dello scoperto di Treggiaja, e in quelle parte fecie andare cavalieri e pedoni in ver lo Ponteadera. Judici, e li cavalieri, che v'erano dentro, oscitteno fuora contra loro, e cacionnoli via. L'aguaito uscì fuora troppo vaccio; ed ellino vedendo l'aguaito, incontenente vouseno; e caccionnoli infin sul fosso del Ponteadera, su quale rimase Judici; e funnone morti e presi, in tra' quali fue preso Messere Nieri di Messere Simone Ciera di Cas'Alberti. E incontenente Judici con tutti li cavalieri si partinno per volontà de i Toscani del Ponteadera, e non vi tornonno più. Messere Galasso Conte di Monte Feutro fue Podestà di Pisa, e Capitano del Popolo, e Capitano gienerale di Guerra del Comuno di Pisa anno uno con cavalli 50 e ronsini 30 a salaro di fiorini X mila d'oro, anno di Dio MCCXCII. L'officio del quale incominciò quasi ne la scita del mese di Ferrajo, uvero in della 'ntrata del mese di marso, ch'era chiamato, che incominciasse l'officio suo l'autro dì finajo, ma perché non era giunto a Pisa, incominciò l'autro die, poi che fu giunto. E lo die di poi, che fu finito del sopradicto Conte Guido, perché non faciea officio, chi faciesse, a quella baudansa Cieo Rosso de' Lanfranchi, che non era anco Cavalieri, ferite Bindo Triglia de' Lanfreducci per vendetta di Duccio da Prarana, che 'l detto Cieo era co lui, quando lo sopradicto Duccio fu ferito a Livorna da cierti de' Lanfreducci. E poi lo dicto Bindo de le dicte ferite moritte. Per cagione del quale malificio, lo dì medesmo che si fecie, lo dicto Messere lo Conte Guido fu chiamato anco Signore in fine a la venuta del Conte Galasso a ragione di quello salaro, che avea in prima. E cusì stette anco Signiore in fin che 'l Conte Galasso venne. Nel tempo del quale Conte Galasso
[p. 661]
lo primo die di Quaresima lo dicto Conte Galasso con la masnada da cavallo, e delli giandonieri da piede, e con li Pisani tutti da cavallo, e con li balestrieri tutti da Pisa, e l'autro Populo di Pisa, e con li Vicaresi, e isciti di Buiti, e con loro consiglio, e con quelli di Piemonte, e da Cauci, e di Vaudarno, e del Podere Upessingo, rimanendo lo Conte Guido in Pisa, cavalcò a Buiti di notte, e fecie la sera pigliare le poste di sopra, e da lato, e da tutte le vie e parti. E 'l Conte con la cavallaria e 'l populo intrò di sotto, e quelli di sopra, e da lato si calonno in della Valle, e arsesi quasi tutta la Valle, e uccisenosi de li omini, e piglionnosi de i Buitesi da 150 tra ciguli, e grandi. E in dell'ora della Tersa, u quinde apresso, con tutta la cavallaria, e balestrieri, e populo fu ricouto in su lo colle di Culdaschine; e quando fu ine, delli Lucchesi da cavallo, e da piè trasseno in soccorso de' Buitesi, e aparveno in su li monti in ver lo sceppato di Belloste; e lo ditto Galasso con la sua giente aspettò ine assai, e per grande ora, discendesseno del monte, e venisseno giù a la battaglia per combattere con loro. E da che non vousseno venire a la battaglia, lo sopraditto Conte con la sua giente tutta si ricouse a Vico, e lo die medesmo ne venne a Pisa; e feciene menare li pregioni, e poi mettere in pregione. E perché li Lucchesi, e Fiorentini, e li autri Toscani de la Compagnia loro facieano grande aparecchiamento di venire con grande isforso a oste contra lo Comuno di Pisa, pensonno, e diliberonno li savi omini da Pisa, che Messere lo Conte Guido dovesse rimanere, e istare in Pisa cinque mesi, infine che 'l oste venisse, e si partisse; e cusì s'ordinò, e fecie che rimase, e istette cinque mesi in Pisa, in fin che la ditta oste venne, e si partì; ed ebbe per suo salaro del ditto tempo lo sopraditto Messere lo Conte Guido fiorini cinque mila dal Comuno di Pisa. Poi del mese di Giugnio lo sudditto Anno l'oste grandissima de' Fiorentini, Lucchesi, Senesi, e tutti li autri de la Compagnia de' Guelfi di Toscana, e con tutto loro isforso, e aiuto di tutti li amici, che funno ben 4000 cavalieri, e ben 10 mila pedoni, de la quale oste sue Capitano gienerale Messere Gientile de li Ordini da Roma con grande salaro, venne in del Contado di Pisa, e intrò in Vaudarno, e puosesi, e mutossi, e stette sempre sopra Arno; e arseno, e guastonno Vaudarno in fine a Riglione, e a Fagiano, e spetialmente da la strada in ver Arno, che da la strada in là non andavano, se non con grande giente per paura delli ditti Conti, e de la masnada, ch'era in Pisa, li quali più voute li asaglinno, e fecieno, e tennero loro danno. Li ditti Messere lo conte Guido, e Conte Galasso, quando seppeno e sentinno, che la dicta oste venia, mandonno 50 cavalieri, che istetteno in del Castello di Caucinaja, delli migliori della masnada, che vi dimorasseno in fin che l'oste stesse, e si partisse. Li quali, quando l'oste venne, e passò inde, e quando la scorta venia e passava, spesse voute li asaglinno, e preseno, e ucciseno di quelli della sopraditta oste delli nimici, e per quella cagione venia, e andava, e passava la scorta con grandissima compagnia. Istando l'oste in Vaudarno a Layano, e Sambra, e per quella contrada, e passavano
[p. 662]
moute voute ine tra Caprona, e Campo Lupo de li Uberti con in fine a 100 omini da cavallo, cavalcò in fine a Campo, in tra' quali funno cierti donzelli Pisani; e quando vide, che di quelli dell'oste erano passati di qua da lato di Caprona, iscinno, e ferinno loro adosso, e ucciseno, e iscavallonno mouti, e fecieno romire, e ricoussenosi sani e salvi, sensa alcuno danno; e fue tenuto bello facto. E istette la ditta oste in del Contado di Pisa quasi per tutto lo mese di Luglio. Poi del mese di Septembre lo sopraditto Messere lo Conte Galasso, essendone andato lo Conte Guido, fecie trattare con due Lucchesi, ch'erano Sergienti in del Castello d'Avene d'essere quello dì, che venisse loro la guardia, in su la Torre della Rocca, e fare a sapere lo die sopraditto. E lo ditto die lo sopraditto Messere lo Conte con la masnada da cavallo, e delli giaudonieri da piede, e con cavalieri, e balestrieri, e 'l populo da Pisa, e quelli di Vaudiserchio, Piemonte, Cauci, Vivo, e di Vaudarno, e Podere Upessingo, dovea di notte con tutta la ditta giente gragere, ed essere al Castello d'Avene a la randa del die, e combattere la Terra, ed elli dare la Torre. E questo trattato facieano, e fecieno li ditti due Sergienti con Vanni dello Fornajo Notajo; e li ditti due Sergienti fecieno a sapere al sopraditto Vanni lo die, che doveano fare la guardia; e 'l sopraditto Vanni al ditto Conte Galasso. E 'l sopraditto Conte con tutta la ditta giente cavalcò, e andò al castello d'Avene, e non si potette avere lo ditto Castello. Si disse perché Vanni del Fornajo non fue la notte a quella ora, che dovea, a rispondere al segnio, che dovea; siché quelli dentro del Castello s'avideno, e piglionno quelli due Sergienti, ch'erano in su la Torre, e funno menati a Lucca, e istrascinati, e impiccati per la gola. Di po' questo facto del mese d'Ottobre, u di Novembre lo suddetto Conte Galasso tenne ed ebbe trattato con uno de i Castellani d'Asciano, che venne a lui di notte più voute secretamente, e prometteali di dare lo Castello per grande quantità di moneta; e ordinò la notte, che dovea essere, e venire al Castello con la giente, che dovea fare. E fecie tanto fallo Messere lo Conte, che non si fecie dare stadichi dal ditto Castellano; sicome lo ditto Conte ordinò co lui, cavalcò, e andò con la sopraditta giente al ditto Castellano d'Asciano, e presso al die fecie li segni, che avea promesso; e cierti, ch'erano ordinati, s'accostonno al muro del Castello da lato di sopra, e quelli a calare fecie iscale di fune; e quelli sicome traitore avea ordinato co' li Sergienti del Castello, che quando alcuno falisse su, e mettesse lo capo per lo portello della Torre, ch'era aperto, li fusse dato d'una massa grossa di legnio in sul capo, e morto, e gittato in del fondo della Torre; e cusì fecieno a sei, andando l'uno di po' l'autro su per la scala. Lo septimo, che avea nome Caccia Falcione giaudonieri, quando fue su in capo dello scala, dicendo quelli, ch'erano dentro, che intrasse dentro per lo portello, disse, che volea vedere li compagni suoi, e autramente non volea entrare dentro. Allora quelli dentro lo volleno afferrare, e quelli si gettò a terra della scala, e gridò a l'arme. La giente, ch'era presso, trasse, e
[p. 663]
quelli del Castello cominciò a balestrare, e fue scoperto lo tradimento. Lo Conte Galasso vedendo ciò, istette ine uno pesso con la giente, e poi partì, e tornò a Pisa. Del mese di Novembre possa Giano di Fighino Conestabile con autri da 50 omini a cavallo, cavalcono a le parti di Morona, e con de i pedoni di Vaudera Ghibellini, che riducieano in Morrona, feceno una cavalcata in ver le parti di Peccioli, e si trovonno con la masnada da Peccioli da cavallo e da piede, ch'era iscita fuore, e conbattenno con loro, e misenoli in isconfitta, e ucciseno di molti, & presi n'ebbeno da 25 de i quali tutti quelli, ch'erano di Pisa, e del Contado, lo dicto Conte Galasso condannò, e fece impiccare per la gola, in tra i quali fue Marcuccio Saramento. Messere lo Conte Guido da Monte Feltro Podestà di Pisa, e Capitano del Populo, e Capitano generale di Guerra del Comuno di Pisa, fue electo in termino di tre anni, e cominciò lo suo officio, finito l'officio di Messere lo Conte Galasso, Anni di Dio MCCXCIV. E stette in del dicto officio sei mese, meno alcuni dì; imperoché la pace fi fatta col Comuno di Fiorensa, e di Lucca, ed autri Comuni, e Compagnie di Guelfi di Toscana, e con Guelfi usciti de la Città di Pisa. In del tempo de la Signoria del quale sopraditto Messere lo Conte Guido, Frate Franciesco de Malpigli di Lucca de l'Ordine de' Frati Rimitani di Sancto Agostino trattò col ditto Messere lo Conte Guido, e con diecie de maggiori di Lucca de i Grandi, e di Populo, li quali per cagione d'una cavallata, che fue inconciamente fatta in Lucca, funno chiamati sopra tutti li facti de la pacie di Lucca. Chiamossi poi li X della Pace di fare pacie tra 'l Comuno di Pisa, e 'l Comuno di Lucca, e l'autri, Comuni della Compagnia de' Guelfi di Toscana, e con li sciti di Pisa; e istando, e durando lo trattato de la pacie, lo ditto Frate Franciesco, quando venia a trattare, moute voute venne e andò a la Calonica del Duomo a parlare in prima al Piovano di Sancto Casciano, e da Sovigliano; e mandavano per Messere Bacciameo di Messere Bonifasio de i Gualandi, che n'aveano grande volontà; e ragionava, e parlava con loro, ansi che andasse al Conte. Unde lo ditto Messere lo Conte Guido fue indegniato, e torbato mouto contra loro. E accordato lo trattato, e lo facto della pacie, chiamò, e fecie chiamare Ambasciadore a fare e giurare la pacie Messere Gherardo Fagiuolo, Messere Lamberto, Messere Bacciameo di Bonifatio, & Messere Ranieri Sampante, e Pardo da Coza Notajo co loro. E quando lo ditto Messere lo Conte ebbe lettera, che la pacie, era fatta e fermata con li Sindichi e Ambasciadori de' Comuni di Fiorensa, e di Lucca, e de li autri Comuni e Terre della Compagnia de' Guelfi di Toscana, e de li sciti di Pisa, fecie fare inquisitione contra Messere Bacciameo di Bonifatio di tradimento di dare la Città di Pisa a li Lucchesi, e 'l più laido bando, e 'l più grave del mondo de la persona, di publicamento, e disfaccimento di tutti li suoi beni. E anco fecie dare lo simile bando a Gadduccio Ismerlo de' Gualandi, ch'era andato co lui. E tornando da fare la pacie, fu ditto a la porta di
[p. 664]
Parlascio a Messere Bacciameo, e a Gadduccio di questo bando. Iscinno fuor de la porta, e andonno via, e partinnosi per non venire a le mane del Conte, che si crede, che arebbe fatto loro tagliare lo capo a ciascuno. E dipo'l bando corso fecie lo Vicario suo la condannagione, e fecie disfare li beni tutti di Messere Bacciameo. E contra Messere Ranieri di Bonifatio, e Messere Gaddo Gombo de li Gatani, li quali lo die che fue lo Consiglio de la pacie andò per Pisa a cavallo diciendo: muoja, chi non vuole pacie, fecie grave prociesso contra di loro. Sostenuti, e posti a la girella, e fatti confessare, funno condannati messere Gaddo sopraditto libre mille, e Messere Ranieri in libre 500 e se da inde a X dì non avesseno pagato, che fusse a ciascuno di loro tagliato lo capo. E funno in della Piassa menati personabilemente a udire leggiere le loro condanagione. E Messere lo Conte sopraditto fecie ponare in su la Torre di Messere Giovanni della Sassetta là u stava, e faciea istare lo die e la notte li giaudonieri armati, e soudati da cavallo perché niuno ardisse di levarsi. E prociedere fecie contra mouti, che 'l die del Consiglio, che si fermò la pacie, gridonno, e feciono romore dinansi la Corte del ditto Messere lo Conte, e per la Città di Pisa diciendo: muoja, chi non vuole pacie. In tra li quali fue Messere Lamberto de i Gatani, che corse bando, e funnoli disfatti tutti li suoi beni, e Ciando di Messere Matteo Briaco, e autri de i Gatani, e Vanni Cascietta, Baccione Selera, e autri di Populo, li quali tutti fecie pigliare, e vennero inansi, e funno posti a la girella, e tormentati, e fatti confessare; e poi funno condannati ciascuno grossamente, e mandati a confine a la lunga chi in della Marca, e chi in del Ducato, e chi in Campagnia. La quale pacie fu fatta e fermata a Ficiecchio per li Sindichi e Ambasciadori de i Comuni di Fiorensa, Lucca, Siena, Pistoja, e de li autri Comuni de la Compagnia de' Guelfi di Toscana, e delli sciti di Pisa dall'una parte, e lo Sindaco e Ambasciadori del Comuno di Pisa da l'autra parte Anno Domini della 'ncarnassione MCCXCIV del mese di Luglio. In de la quale pacie fue ordinato, che lo Comuno di Pisa dovesse chiamare de le Terre de la Compagnia di Toscana l'un'anno Podestà, e l'autro lo Capitano. Lo ditto Messere lo Conte Guido, poi che fue fatta la pacie, istette in Pisa infine a la scita di Septembre per far fare l'executione della pacie; e fecie fare ragione dell'antrata, e della scita, e inventaro di tutti li beni del Comuno, e lassò di mobile al Comuno di Pisa libre 62 mila; e fecie anco testamanto in fatti e in ditti al Comuno, e a li omini di quello, che avesseno a fare delli loro fatti. E male a uopo di Judici di Gallura, e delli sciti di Pisa non procuronno, che 'l ditto Messere lo Conte rimanesse in Pisa, e fusseno tornati sotto la sua Signoria. E lo dì, che Messere lo Conte si partì, e escì di Pisa, e intrò Messere Conte da Colle Podestà in signioria, fue in Pisa grande romore, non essendo partito lo ditto Messere lo Conte due miglia da Pisa per la via di Massa. Messere lo Conte da Colle Valle Else Podestà anno uno MCCXCIV il quale officio cominciò quarto Iddu d'Agosto. In del cui tempo tornonno in Pisa mouti de li sciti di
[p. 665]
Pisa, salvo che Judici di Gallura, e cierti de' Vescovi; e fenno grande contentione e dichiaramento delli capituli de la pacie; e mouti delli Savi e Judici di Pisa con delli Savi e Judici dalla Rocca funno insieme a Sancto Jacopo del Poggio, e autri alcuna vouta a Pisa, e a Lucca sopra li dichiaramenti de li Capituli de la pacie. E a la fine di po mouti trattati, essendo istati e convenuti insieme li ditti Savi del Comuno di Pisa, si concordonno insieme con li Savi e Judici del Comuno di Lucca, e fecie mouti dichiaramenti sopra li Capituli della ditta pacie, salvo che sopra uno Capitulo, che si diciea che la ditta pacie non s'intendesse, se non dal prossimo mare in qua, e per la parte di Judici di Gallura si diciea, che quello Capitulo non s'intendea, né v'era posto per lui; ma era messo e posto lo ditto Capitulo in della pacie, e s'intendea tanto per li eredi del Conte Ugolino. E diceasi e proferiasi per lo sopraditto Judici di Gallura, che volea tornare e istare a confine sotto la Signoria del Comuno di Pisa a Cauci, u altro, lo qual piacesse al Comuno di Pisa, essendoli ristituiti e renduti li suoi beni tutti di Pisa, e del Contado, e di Sardignia. E per ciessare ognia scandalo, di ciò erano contenti, e voleano quelli, che più savi erano tenuti a Pisa, cioè Messere Gherardo Fagiuolo, Banduccino Bonconte, Jacopo Favuglia, Messere Ranieri Sampante. E mouti autresì Ghibellini, e spetialmente di Populo non voliano, e non voussono, diciendo: da che 'l Capitulo de la pacie dicie così, e possi difendere a ragione. E lo ditto Capitulo vi fecieno mettare eglino, e non lo Comuno di Pisa, avegniaché dicano, che vi fu posto e messo pur per l'erede del Conte Ugolino; e non vousseno, che si fasse; e trassenolo lo Consiglio a partito a stracquo. Per la qual cosa Judici di Gallura fecie venire a Pisa imbasciaria mouto grande, e Ambasciadori solenni ciascuno Comuno e Terra de la Compagnia de' Guelfi di Toscana; e dimandonno per li Judici di Gallura quello medesmo, ch'era dimandato per lui; e disseno, che quello Capitulo v'era messo e posto i nella pacie, e s'intendea tanto per l'eredi del Conte Ugolino; e così dicieano li Judici e savi de' loro Comuni, ch'era ragione; e, se non fusse, che lo dimandavano per gratia per parte de' loro Comuni, e per maggiore conservamento de la pacie. E ogniauno Ambasciadore di ciascuno delli ditti Comuni disse l'ambasciata del suo Comuno in del Consiglio maggiore a Duomo; e tutti disseno a uno affetto a un segnio con moute paraule induttive. Partinnosi li ditti Ambasciadori, e rimase lo Consiglio, e ine si prese per lo Consiglio, che per li Ansiani e savi omini si consigliasse, e provedesse, e rispondesse a li Imbasciadori, come paresse e piacesse loro. Poi li Ansiani con savi omini consiglionno e provideno che 'l ditto fatto non si faciesse nulla, e di ciò si scusasse lo Comuno di Pisa per belle e savi ragione e paraule, che non era ragione, e che 'l Comuno di Pisa non era tenuto; e che a li ditti Ambasciadori si rispondesse, che a la loro ambasciata si sarebbe risposta per lo Comuno di Pisa per li suoi Ambasciadori a Fiorensa, perch'era luogo più comune, e lo maggiore Comuno della Compagnia di Toscana. E cusì si fecie di po' questo.
[p. 666]
Fatta così la risposta a li ditti Ambasciadori di po' alquanti dì, poi che si partinno li sopraditti Ambasciadori, funno chiamati cinque Ambasciadori per lo Comuno di Pisa, cioè Messere Gherardo Fagiuolo, Messere Rosso, Messere Raynieri Zaccio, Messere Paganello da Vico, Messere Tomazo di Tripallo, e Banduccino di Bonconte, s'andonno a Fiorensa, e ine fecieno la risposta a l'Imbasciadori de' sopraditti Comuni, e iscusonno lo Comuno di Pisa per savi e belle ragione, che di ciò non era tenuto per ragione di ciò. Sicché li Toscani conosciendo, ch'era ragione quello, che si diciea per lo Comuno di Pisa, si funno contenti, e non fecieno più di ciò autro. Cetera desiderantur. Sebsequitur additamentum. In del MCCCXXVIII a dì VII di Maggio la Vigilia di Sancto Michele in sul Vespro grandinò una grande tempesta di grandina e d'acqua insieme mouto periculosa, e vastò ben per l'andare d'un miglia; e grandinò si fortemente che n'era pieno le vie, e li tetti, sicome fusse nevicato, ed erano le granelle grosse come buone pallossule; e di tale ne veniano, ch'erano come nocie; e sie fue grossa la ditta grandina, che la mattina vegniente così se ne cousse chi vousse su per li tetti, come usase di cogliere la nieve. Lo 'mperadore Lodovico venne con Castruccio intorno a Pisa a oste intorno, in Domenica a dì sei di Septembre MCCCXXVIII e stetteci intorno die 38 e poi v'entrò d'Ottobre in Domenica mattina, e andò a Duomo. Messere Tarlato da Pietramala d'Aresso fu Vicario nella Città di Pisa per lo sopraditto Imperadore. Poi certi Pisani levonno lo romore uno Sabbato in su l'Ave Maria, che fue la Vigilia di Sancto Ranieri Pisano, gridando Viva lo Populo. Erano franchi, ed erano seguitati. E 'l Ponte vecchio, e 'l nuovo s'asserragliò. E 'l sauto de la Spina ardea; e durò questa battaglia Sabbato tutta notte; e la Domenica vegniente, che fue Sancto Ranieri, sì s'andò via per paura, che non potea tenere la Città, e andossene sopra 'l Castello di Sancto Franciesco con grande vergognia. Poi lo Conte Fasio co le sue brigate, e co le compagnie del Populo se n'andonno al Palasso del Populo con grande alegressa, e intrò in signioria, e fue loro la Terra. E allora s'arseno tutti li atti della Canciellaria, e d'autre Corte, ch'era allora la Canciellaria in casa di quelli de la Sala. Questo fue a dì 17 di Giugno MCCCXXIX. Lo Comuno di Pisa avendo guerra col Comuno di Siena per lo fatto di Massa di Maremma, che è di Pisa, si chiamò Ciupo delli Scolari da Fiorenza, ch'era in Lucca Capitano di guerra gienerale contra lo Comuno di Siena; e poi lo Comuno di Siena fecie fare una cavalcata a Massa, ne la qual cavalcata Messere Dino de la Rocca era Capitano allora di guerra per lo Comuno di Pisa a Massa; e trovandosi fuora di Massa elli con cavalieri 70 e Ciellino dal Colle con loro, combattenno insieme co li Senesi: e percotendo Ciellino fugitte a Massa, e lassò Messere Dino. E' cavalieri combattendo funno uccisi e feriti dall' una parte, e dall'autra; e della nostra parte ci fu ucciso Messere Tirtimando, ch'era Conestabile;
[p. 667]
e Messere Gianotto di Colognoli era l'autro Conestabile, levò lo dito, e non vousse combattere, e arrendessi elli con cierti autri, e andonnone pregione a Siena. E poi fue in questa battaglia medesima preso Messere Dino soprascritto, e fue menato a Siena per pregione: sì che fatto tutto ciò lo sopraditto Ciupo Capitano con 800 cavalieri di Pisa se n'andò presso a Siena a due miglia cercando, scopando, ardendo le case, e palagi, e robe con bestiame insieme; e preseno pregioni in quantità, e arseno uno Castello di ben 500 omini, lo quale Messere Federigo del Porto con cierti compagni lo preseno; e la note tutta la sopraditta masnada vi stette. Li Aretini mandonno ajuto a' Senesi di 200 cavalieri. Eglino insieme con quelli di Siena ch'erano ben mille, mandonno a Ciupo sopraditto lo guanto per combattere: vouta nessuna non voussono combattere a campo. E stando Ciupo così apresso a Siena, continuo ardeano, e guastavano, e parecchie voute s'avisonno a cierti badalucchi: onde che quelli d'Aresso tutti funno sconfitti, e fue preso uno cavalieri, ch'era Capitano di quelli d'Aresso, e uno fratello dell'Abate di Guamo, e cierti autri. Poi Ciupo avendo fatto grande danno e vergogna al Comuno di Siena, con tutta la sua giente sano e salvo si ricousse da Casuli da Volterra, e venne in Vaudera a Fabrica. E quine li cavalieri suoi, e a Peccioli, e per l'autre Castelle fenno la Pasqua, e riposonnosi; e Ciupo la fecie al Fosso a Rinonichi. La sera che Ciupo giunse a Fabrica, iscrisse una lettera a questo Comuno de la vittoria, che avea avuta, e come era quine giunto, e di grande male, che avea fatto in quelle parte, ove era stato: Verae a voi Berto de la Rocca, e diravvi lo modo tutto, come abbiamo fatto. Venne Berto; andò lo bando del Consiglio; grande giente venne al Consiglio di grandi e di picculi a la sala del Populo; e quine Berto montò su la ringhiera, e disse tutto cioe, ch'era stato per ordine, e grande danno, che ricievesse mai Città nessuna in così breve tempo di sette die. E questo fue del Mese di Marso a X dì MCCCXXXIII ne la Indictione Prima nel tempo di Boccaccio da Petroja Conte, Podestàde i Pisani, e di Branca Gientile da Cardicieto Capitano del Populo di Pisa, li quali hanno a stare in Signoria infine a Ogosto, che viene, se non sono fermati. E morivvi lo figliuolo del sopraditto Boccaccio. Per la sopraditta oste si fue Messere Piero de le Statee, lo quale era a confine di questo Comuno a Rasigniano, rimesso in Pisa, perché vi fue in persona con quattro cavalli; e allora Messere Vanni Benignio era Ansiano. Anno Domini MCCCXXXIII ne la Indictione Seconda del Mese di Novembre a dì 4 di Novembre Giovedì a sera passato l'Ogniasanti, creve tanto l'Arno in Pisa lo Giovedì di giorno, che quelli di Kinsica non poteano passare di là se non a cavallo o in iscala, peroché l'acqua era di Lungarno, e per Borgo, e per li autri chiassi, che rispondeano Lungarno, e veneano la sera. Lo Giovedì sopraditto creve sì l'acqua du subito, che allagò tutta Kinsica gieneralmente, e li chiassi, e le carraje, in qualunqua modo la via fusse stata più auta, che quandi in Kinsica, quanto tenea da Legatia de' furi a la Spina di Lungarno, e dentro da via, fue l'acqua sì auta, ch'
[p. 668]
entrò per le botteghe, e inde la Loggia di quelli del Grugnio, e in bottega di Nocco Ciabatta, e per tutte le autre botteghe. Dunqua sappiate, che in entro era troppo più auta l'acqua, che li grandi paliscarmi, battelli, scafe, e autri legni andavano per tutta Kinsica ciercando tutte le vie gieneralmente; e questo andare de' legni fue lo Venardì mattina vegniente; e durò tanto questa piena, che le persone istavano assediate in casa chi 4 giorni, chi 8 e chi 6 tanto che chi volea uscire di casa, era in bisognio, che montasse in iscafa, o a cavallo: autramente non avesse fatto niuno ragione d'iscire. E stenno tutto lo sopraditto Venardì le porte di Pisa chiuse, che non si poteano aprire. In Kinsica cadenno a Sancto Paulo, a Ripa d'Arno più e più case. In Ponte in mezo, e in fori porta, ognia casa allagato, che l'acqua era per tutta la via di Sancta Maria. Etiandio intrò in Sancto Nicolò da la parte di via Sancta Maria. E fue questa acqua in tali luoghi, che mai per noi, né per gli anticiessori si vidde. Tutto lo Vaudiserchio, e 'l piano di Pisa allagò, che istavano in Vaudiserchio le giente su per li albori, ed era loro porto da vivere in su le scafe. Mouto bestiame però annegoe. E questo fue in questa nostra parte. A Fiorensa l'ebbeno sì grande, che de' quatro Ponti di pietre l'Arno ne menò tre; e più di 40 case di Lungarno caddeno loro, e morittenovi moute persone; e arecossi questo a peggio ch' una sconfitta. Essendo ellino così annegati, si credeano veramente, che Pisa fusse tutta ita sotto, peroché siamo più bassi di loro, stimando ellino la grande acqua, ch'ebbeno. E vennene in questa Terra, cioè in Pisa, lettere di compagnie di Fiorensa fusse tutta annegata. Veramente Pisa tutta quanta dentro arebbe ricievuto grande dannaggio, se non fusse che Arno ruppe nel Contado al campo a la Porta di Sancto Marco, a Canneto, a Sancto Lorenso, a le Corte, e a Ciellajano: sì che per questo Pisa non ebbe tanto dannaggio. A Caucinaja caddenno ben 40 case: Pontormo di Fiorensa n'andò ben mezo: Sancta Crocie di Fiorensa vi caddenno assai e grande quantità di case; e andonne ben mezo co le mura el Castello. Empuli vecchio n'andò tutto; Empuli nuovo ben mezo. N'andò tutte le mulina da Peccioli, e de la Vaudera. L'acqua era poi di quà da Sancto Savino a Navacchio su per la strada, e sì grande, che correa come Arno; e stette bene dì XV che niuno di Vaudera non potea venire a Pisa, se non a cavallo, o in iscafa, e a mala pena; così quelli di quà andare di là. E menonne allora lo Ponte di Stagnio da Porto Pisano. E anco l'acqua intrò in Sancto Bastiano di Kinsica, e in Sancto Lorenso, coprendo quazi la pietra dell'Autare, sì che nimo si faccia meraviglia, che troppo fu maggior piena, ch' io non o contato. Del qual tempo ci era Podestà Boccaccio Conte di Petroja, Capitano Branca Cavalieri da Cardicieto, Ansiani in Ponte primo Baudo Gatto, Vanni d'Arena Pannajuolo; in mezo Rossello Pannajuolo, Vanni d'Asciano, Fabro Priore, Messere Ranieri Tempanella; in Fori porta Lorenso Rosselmino, Betto dal Ponte Adera Notajo, Banduccino Bonconte Priore di Kinsica, Puccio da Vada Priore, Nino di Nocco Ciabatto, Lippo di Puccietto del Borgo. Notajo fu di
[p. 669]
loro Teglimo di Bindo da Vico, Cancielleri Michele de Lante di Ben da Vico. Anni Domini 1314 del Mese di Maggio fu presa Pietrasancta per li Pisani. Anni Domini 1315 dì 14 di Giugnio la Vigilia di Sancto Vito fu Lucca per li Pisani presa. Anni Domini 1316 die 29 d'Ogosto lo dì Sancto Giovanni dicollato funno isconfitti i Fiorentini a Monte Catino. Anni Domini 1317 die Sabbato Sancto lo qual fu quatro Iddu d'Aprile, fu cacciato Uguiccione de la Fagiuola de la Città di Pisa. Anni Domini 1329 del mese di Maggio fu l'oste a Pistoja, in el quale funnone i Pisani con Castriccio. Anco in el sopraditto Anno Domini ultima die di Giuglio, e prima dì d'Ogosto non anco la sopraditta oste levata, vennero i Fiorentini in Vaudarno, ardendo, e predando; e Nino Arloto fue guida de' sopraditti Fiorentini. Anni Domini 1332 del Mese di Ferrajo Vesco Kene de Orlandi con mouti ribelli del Comuno di Pisa vennero in Vaudiserchio, e livi stetteno più dì in vengognia del Comuno di Pisa. Anno 1337 ne la Indictione 4 del Mese di Novembre terzo Iddu del dicto Mese Sabbato, la Festa di Sancto Martino, passato Vespro, lo ditto Sabbato essendo Consiglio, si levò uno romore ne la Città di Pisa, sì che tutti li amici di Messere lo Conte Fazio trasseno a lui armati, e li amici di Messere Benedetto, e di Messere Cieo, e loro seguaci trasseno a loro, sì che romore fu grande. In fine sonate le tre campane, lo Conte andò a Palasso con sua giente, e Messere Benedetto passò in Kinsica, e andoe su per lo Ponte de la Spina a la Porta de le Piaggie, e quine fermò con sua giente da cavallo e da piè; e fecieno serragli, e quine s'afforsonno. Li Ansiani, e 'l Conte, sapendo cioe, ferno dare nella campana a martello, passato lo primo sonno, e andò lo bando, che cierte Compagnie del Populo andasseno a la Spina, e'l Conte colla sua giente a cavallo con quelle Compagnie del Populo andonno lae; e quine fue grande battaglia di fuoco, di balestra, di pietre, e di lancie. Bene fu, che Messere Benedetto avea schiavate le toppe de la porta preditta, e apertola, inansi che 'l Conte v'andasse, credendo la giente, che avesse soccorso da Lucca: unde che al dirietro la giente di Messere Benedetto sì si lassonno cacciare di fuora de la Porta; e funno caccaiti; e andossene la sera ad Asciano, e la mattina a Lucca. A la battaglia preditta fue ucciso d'uno guerrettone Franciesco ditto Tondo da Sancto Martino in Kinsica; Neruccio del Grugnio fue intestato, e morì; e vissene XV dì. E uno vinajuolo ferito fue ne la gamba di lancia. Messere Federigo del Porco Catino del Conte ebbe una pietra in su la testa e fue per morto; e cierti autri feriti. Lo dì sopraditto, che si levoe lo romore, a sera funno arsi libri del malificio di Canciellaria del Sindico della Cabella maggiore, e di quella del vino; e fue tutta rubbata la Podestà di Pisa. Era Podestà di Pisa Messere Federigo di Brancaleone della Casa del Monte; Capitano Messere Armanno di Messere Nicola delli Armanni di Perogia; Ansiani erano in Ponte Ciecco de l'Agniello, Salvestro da Campiglia, e uno Causulajo; in mezzo Messere Ranieri Tempanella, Judici
[p. 670]
Bergo Ganti da Cisano, Michel Grimaldo; in Fori Porta Cieo Rustichelli, Ciellino da Campo, e uno Nano da la Spina; in Kinsica Jacopo dell'Agniello, Franciesco da Monte Fosuli, Andrea Campana. Li capi con Messere Benedetto funno, Messere Cieo suo fratello, Messere Giovanni Malepa, Messere Berrigo Gaddubi, Cailonaco Arciprete, Bondo Boudrone, Bacciameo da Monte Fosculi, Petro della Sendada, Colo Bonconte, Triglio da Vivajo, Ciecco da Campiglia, Messere Giovanni Gallo, e fratelli, Vanni d'Appiano Notajo, e i fratelli, quelli da Corvaja, Vanni di Lupo, e figliuoli, Messere Cino de i Sesinondi. E inansi che la sopraditta giente di Messere Benedetto iscisse di Pisa, al principio levaro lo romore, andonno a la pregione di Pisa, e ruppela, e tutti i pregioni iscitteno fuora. Poi del sopraditto Ansianatico, inansi che fusse compiuto l'ofitio, mezzo die vegniente, se ne tornonno a casa loro, tre de' quali erano tenuti a sospetto, cioè Salvestro da Campiglia, Michele Grimaudi, e Franciesco da Monte Posculi. Poi di po' questo riposato, e fermata la Terra, fue chiamato Signiore lo Conte Fatio, sì che ordinò, che tutti li confinati vecchi, che si fecieno al tempo di Messere Tarlato, tornasseno in Pisa, e che i ribelli di quello tempo tornasseno a confine; e così fu fatto, salvo che Benven …… asso, ch'era ribello, ebbe gratia di ritornare in Pisa. Spinetto tousse a' Pisani nel tempo de' sopraditti Ansiani, Capitano, e Podestà, la Terra
[p. 671]
di Sarezana, e intròvi da 30 cavalieri. Eravi Podestà per lo Comuno di Pisa Messere Giovanni de li Orlandi, Judici Messere Gherardo Carratelli. Funnovi morti sei persone; Ciegna da Colle fue ferito, e pregione del MCCCXXXVI ne la Indictione IV die V di Novembre. Poi lo sopraditto Ciegnia fuggitte di pregione, e fue scapulo. Poi nel sopraditto Anno di Diecembre, Giennajo, Ferrajo, e appresso, si fecieno li fossi del Borgo di Sancto Marco, e li palonciti, e 'l ponte levatojo, rotta la strada, e le mura da le Piaggie col fosso, e merli dal Ponte di Sancto Marco, e quello da Pantiporto di Legatia con ponte levatoio. Poi MCCCXXXVII Indictione IV die XV di Jugno Sabbato la festa di Sancto Vito in su la Terra fue uno mal tempo d'acqua e di tuoni, che si fe' come a l'Ave Maria, e cadde il Cantone de li Embuli, della quale caduta ne moritteno sotto 27 omini, e erano guasti, e iscempiati, come mangiati da lupi, e da cani. Lo sopraditto Anno MCCCXXXVII di Jugnio si fondò la Torre, ch'è in piè del Ponte de la Spina da la parte di Foriporta al Cantone. E la Chieza nuova di sancto Bernabè, ch'è in della Carraja de' Bottai, si fondoe lo dì di Sancto Bernabè lo sopraditto Anno Domini terza Indictione di Giugno. Poi nel sopraditto Anno di Luglio lo Comune di Pisa fecie istare lo Castello di Leguli di Vaudera, perché no si fidava a li omini dentro, che no vi mettesseno isciti di Pisa, o autre gente.
[p. 672]



(revised 14-05-2000) .
Elena Pierazzo

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa