minimizza
Testi di Ferrara

Elenco testi disponibili
   

Anonimo

Cronica di Ferrara, volgarizzamento della Cronica Parva di Riccobaldo



[p. c.1r]



Cronica di Ferrara




[C] ome nui non havemo alcuna overo picola noticia de | le cosse facte nella prima età del mondo cioè da Adam | in fino al diluvio facto al tempo di Noé, cussì non se | trova alcune scripture per gli homini che habitano | dal fiume Indo in qua de le cosse facte nella prima parte del | circuito dela terra verso l'oriente, dove sono tre Indie, cioè la | Serica overo la Battia(n)na et la Eoa vero la Dymerica et la ma|giore la quale se chiama Termatica overo Eiulach: perché le genti | che habitano quelle Indie le quale sono senza fraude et hanno | in odio le malitie de le genti che habitano de qua dal fiume | Indo, non passano lo dicto fiume et hanno sospecto de ingani | et de violentia le nostre genti. Et ancora nello commutare | delle merchantie schifano lo parlare in senza pensando essere | coropte per quello et non passaro mai alle nostre parte cum gente | d'arme bene che sieno molto possenti in numero de genti. Ma | da nostri capitani più volte è stato passato quello fiume: | prima da Samiramis reina moglie de Nino secundo | re de gli Assirii, assalì l'Indi cum giente armata. Poi lo se|cundo Dionisio chiamato Bacho passò armato in India, lo terzo | Hercule lo quale posò le colonne in suso el lido orientale. El quinto | Alexandro Magno cum sua gente victoriosa vinse le Indie le | genti che habitano de qua dal fiume Nilo usano insieme mer|cantie et sono manifeste da quello termine in qua le cosse facte | et quegli dal tempo del diluvio in qua facto al tempo di Noé | sono quatro signorie excellenti de qua dal fiume de l'Indo. El pri|mo fu lo regno de gli Assarii di Medi et di Persi del primo re|gno fu re Bello il quale regnò annii LXV. Ad questo succede Ni|no su figliolo sotto la cui signoria lo XLVII anno naque A|braam, padre de molte genti. Et quello Abraam naque inanti | alla Natività de Christo MXV annii, et ad Nino soccede la raina | Samiramis, et questa signoria durò infino al tempo de Alexan|dro il quale fu inanti al tempo de Christo circha anni CCCC et que|sto regno fu principalente in Asia. | Lo secundo Re|gno fu di Macedoni principalmente essendone signore Ale|xandro il quale cominciato in Europa somamente se destese | in Asia et morto Alexandro questo regno deventò vano tra i soi | successori cominciata guerra tra quelli in poco tempo. Lo terzo | regno fu quello di Carthaginisi in Africha i quali oltre Africa signo|regiarono cum l'arme la Hispagna Sardigna Cicilia et tute le | isole del mare Mederitaneo insino alle collonne de Hercule. Et
[p. c. 1v]
fu finito questo regno quando fu vinto Hanibal da Scipione | africano capitano di Romani in Africa et fu facta Carthagi|ne tributaria ai Romani. Et questa cossa fu inanti la natività | de Christo anni ducento o circha. Lo quarto regno fu quello | di Romani il quale fu più robusto in forze che tuti gli altri | regni e più ampio per lochi ma non fu più lungo in tempo che | lo regno de gli Assirii. Ma per certo lo regno di Romani poi | ch'ebbero vinti i Carthaginisi mosse le sue victoriose insegne | primeramente fuori di Italia contra Philipo re de Macedonia | il quale era stato colegato ali Carthaginisi contra Romani et | vinto questo in Europa passò primeramente in Asia contra Ant|hioco grande et habatuto etiandio questo in bataglia fu sub|iugato poi in diversi tempi per diversi suoi capitani domaro | tute le genti de qua dal fiume Indo salvo che i Parthi in Asia | et in Africa. Et le magiore parte de Europa in fino alla morte de | Gaio Giulio Cexaro dictatore sotto|misero alla signoria di Ro|mani. Morto Cexaro la qual cossa fu inanti la natività | de Christo anni XLII, per spatio de dodece annii fu grave tempesta | de zinque civili guerre tra i Romani. La prima fu presso Mo|dena. La secunda in Macedonia. La terza apresso Perogia. La | quarta in Cicilia. La quinta fu in mare apresso Actio et in Egipto | nella quale bataglia vinto et morto Marcho Antonio Gaio Ottavio | Cexaro figliolo de Actia figliola de Giulia sorella de Giulio Ce|xaro essendo ordinato herede da quello cum lo nome de Cexaro te|ne solo el principato de la romana re publica et fu chiama|to dictatore per decreto del senato et per consentimento del populo | et Augusto ciò è adire creato per augurio et fogli conferita | tuta la potencia di quello populo et la monarchia de tuto il mon|do. Et fu facto questo ad Roma a dì XIII de genaro inanti la na|tività de Christo anni XXX. Questo Augusto subiugò ai | Romani molte genti cum le armi le quale erano in obidienti | et molte ne receve in amista tra i quali receve i Parthi ad mi|sericordia. Et India mandò ambasciatori a lui cum duni el quale | allora faceva guerra in Hispagna. Et quietato tuto el mon|do in pace fece uno comandamento che fossi descripto tuto il | mondo et ciascuno pagassi [aso] per testa et serate le porte | de Iano la terza volta de [po] la edificatione de Roma. | Questo primo digli imperadori tena la signoria et la mo|narchia del mundo per lo populo de Roma ei suoi sucessori | remasero in quella signoria. Ma menemate le forze dello | imperio de Roma in certe parte del mondo dopo alcuni spatii de
[p. c. 2r]
Poi navicando da la tore de Peroto in giù per spatio de tre miglia | troverai da la sinistra ripa Ferrara. Et se tu navicharai verso | levante partendoti da Ferrara per spatio de miglia XXV troverai | la villa chiamata capo de Goro posta nel cantone de la isola de Pom|posa dove lo Goro esce de Po verso tramontana lassando de la si|nistra la isola nella quale è posta Ferrara e da la destra la isola | de Pomposa la quale è de ragione del monastiero de Pomposa. Et | quella isola boscosa è circundata da ponente et da tramontana | dal canale del Goro da mezo dì dal Po vecchio in fino al porto de Vo|lana e da levante è terminata dal mare Adriatico et come tu | te part [irai] da capo de Goro navicando per Po antiquo per spatio | de circha VIII miglia arivarà ad mare per lo porto de Volana. Et | se tu te partirai in nave da la riva de Ferrara alla contraria | riva per lo Po | che si chiama La Fossa per spatio de tre miglia arivera | a la Tore de la Fossa et in quello loco se esce de Po per lo canale de la | Fossa et verso mezo dì se va per spatio de due miglia in sino alla | Tore de la Pontonara la quale è de la signoria de Ferrara dal quale | luogo potrai andare in nave ad Bologna et se tu passarai a piedi o | a cavallo el ponte [...]po tonara per terra poterai andare ad Bo|logna. Dalla torre della Fossa navigando per Po dopo lo spatio de circha | XVIII miglia alla parte sinistra ariverai al castello de Argenta. In quello | luogo da la opposta [parte] se esce de Po ala mano dextra per uno canale nelle palude | in sino ad uno i [n] co [r] o de canali. Se tu navichi ala mano dextra arivarai alla | villa de cavalli per lo qual porto se va ad Bologna. Et se tu navicarai alla | man sinistra arivarai alla villa de Conselice per lo qual porto se va ad I|mola et ad Faenza. Et navicando da Argenta in giù per Po per spatio de tre | miglia arivasi alla rotta de santo Biasio da la parte dextra de Po per la quale | se va per la palude in Romagna in sino ad Ravena et andando per Po parten|dosi da la rotta de san Biasio per spatio de VIII miglia armasi ad fossa | pudola ove dala dextra ripa de Po sono canali del paludi i quali entra|no in Po. Et navigando per Po da fossa Pudola in giù per spatio de XI miglia | dala sinistra ripa se ariva alla vila et al monastiero de santo Alberto ne | la cumtraria ripa che è poco più in giù dalla mano dextra per spatio [de mi] |glia XII se ariva ad Ravena in nave. Et in questo luogo ove se esce de Po | era edificato lo castello di Vinitiani del quale nui havemo dicto de | sopra. Et de questo se dirano più cosse de sotto. Et se tu uscirai de Ra|vena a pié o cavallo arivarai ad Po per spatio de VIII miglia de sotto | alla villa de santo Alberto et in quello luogo passarai lo ponte de Po dal quale | per spatio de XXVIII miglia caminando per terra arivarai ad Ferrara | et navigando per Po da quello ponte in giù per spatio de VIII miglia se es|ce in mare per lo porto de Primaro. Et per questo porto et per quello
[p. c. 2v]
de Volana et per quello de Goro è anuncio de portare mercatantie | ad Ferrara de ogne porto de mare, ma sono impaciate dalla super|bia et dalla avaritia di Venetiani i quali arechati dallo in ordinato | amore de se sono venuti in pestilentia per giuditio de Dio et | per opera del papa de Roma Clemento quinto per stimolo de suoi | peccati et uno quarto porto de aqua de mare tra lo porto | de Primaro et quello de Volana el quale è chiamato porto de | Magnavacha del vescoado de Comachio per lo quale porto se vie|ne de mare in paludi false et per lungi spatii per profundi canali se | ariva alle ville del distreto de Ferrara

Lo terreno de Ferrara se divide in quatro parte principali dividen|dolo el Po. La prima è verso tramontana la quale se chiama | lo Polesene de Figarolo la quale ha de lungeza da le confine de Ho|stiglia in sino nel mare Adriatico et ha de lungeza circha migli | LX et circha de largeza circha miglia X, et ha da mezo dì ca|nali de Po e la rotta di Figarolo, da tramontana e le pualudi de Chio|za et de Adri che già fu città lo terreno de Rovigo e le palude | de Lendenara et de Verona. Et questa parte ha in tra sé piue | isole ma non grande delle quale la magiore è quella che se chiama | la villa de Gurzuni. La segonda parte è divisa dala prima per | la rotta de Figarolo la quale conmenza dove Po se divide et va verso | levante in sino al canale del Goro. Et questa in figura de tri canto|ni è circundata per le aque de Po da ogne parte et ha de lungeza | quasi spatio de miglia XL et la parte de sopra de questa isola distesa | in sino allo argere Traversagno da la una parte de Po all'altra è chia|mato lo Polesene de Canaglia. Et tuta l'altra parte quasi se chia|ma lo Polesene de Ferrara nel quale é la città de Ferrara à posta | presso Po. La terza parte comintia dove Po se divide in anti Ferrara | la quale ha lo Po antiquo da tramontana et da mezo dì lo Po per | lo quale se va ad Ravena et da levanti i campi d'Argenta le pa|ludi de Ravena e i boschi et le paludi de Chomachio. Et lo capo | de sopra de questa parte se chiamava lo Polesene de santo Georgio deno|minato dal voccabulo de la sua ghiesa insino al sandalo el quale | già uscendo del Po antiquo dove è la villa chiamata Codereta | andando per Viguenza intrava per nel'altra parte de Po dove è | la villa chiamata Consandali lì in da Argenta dalo lato de sopra | per spatio de tre miglia. Poi adaquando questo canale del sanda|lo i campi vicini pieno de guadi et facendogli essere sterili se|rata la sua bocha fogli tolta l'aqua. L'altre parte è chiamato lo | Polesene de Reda et ancora queste parte coniuncta ma non conti|nuate sono chiamate per li primi nomi le quali hano de lungeza
[p. c. 3r]
da tramontana miglia XXV et da mezo di circha XVIII insino al | distrecto de altre terre. Et queste tre parte fertili quasi de beni in | richissimo Ferrara. La quarta parte è minore che le altre et non | di meno lunga dal terreno de Mantua in sino al terreno de Ar|genta quasi per spatio de miglia XXXIII ma non è molto ampia | et questa ha da tramontana lo Po da mezo dì sono le paludi de | Regio, de Modena et de Bologna. Le confine di tuto il distrecto de Ferrara sono nominate queste da | la parte dextra de Po verso ponente possedeno i Mantoani da mezo dì | sono le paludi de regiani di Modenisi et poi de Bolognesi poi ver|so levante sono confini gli Argentisi Ravegnani Comachisi. Lo | monastiero de Pomposa admezando lo canale del Goro et lo ma|re Adriatico. Da tramontana Chiogiesi Adriani et Padoani per | la ragione de Rovigo et de Lendenara aquistati novamente. | Et da ponente verso Verona le paludi e i campi insino ad Po. Et | quisti sono i confini cum li quali è cunchiuso lo distrecto de Ferrara. Lo numero di borgi et delle ville de tuto lo distreto soliva essere | XVIII delle quali molte ne sono abandonate per le pestilentie de | tirani et da i nemici de Ferrara. | Le chiese prene nello distreto de | Ferrara sono anomerate XIII le quale sono subiecte al vescovo | de Ferrara et oltre ad queste sono X, altre che sono subiecte ad altri ve|scovi. Lo vescovo de Adri ha alcune pieve nel distreto de Ferra|ra, et lo vescovo de Cervia et lo vescovo de Chomachio. Et lo ar|civescovo de Ravena et lo monastiero de Nonantola. La pie|ve de Bondeno et è meravigliosa cossa nel distreto de Ferrara et | se tu anderai per spatio de zinque o de sei miglia tu potrai stare in mezo | vescovadi in questo modo. Va verso lo finale del distreto di Ferrara | va inanti per spatio de due miglia et serai nella diocesi de Adri et | passando in quello luogo po serai nella villa de Medelana che è | della diocesi de Cervia da quello luogo anderai mezo miglio ver|so mezo dì ariverai alla villa de san Vito et modesto che è della | diocesi de Ravena. Poi andando per la villa del ducato alla villa de | Lebola per spatio de due miglia o poco più serai nella diocesi de Co|machio. Cussì dunque dalla villa del Finale de la diocesi de Ferrara in sino | alla villa de Lebola se tu anderai per spatio de zinque miglia o de sei | passarai per V diocesi cioè ferrarese, adriese, cervese, ravigna|no et comachiese.

Al presente resta exponere della descreptione della qualità et della | quantità del terreno del sito et dela qualità de la città et del nu|mero delle ghiese nelle quali in quella se coltiva lo nome de Christo. | La sedia del vescovo fu primeramente nella villa che al presente
[p. c. 3v]
se chiama Viguenza presso la quale già discoreva lo canale del Sanda|lo dal Po antiquo nel Po che passa presso Argenta. Poi fu apresso la | ghiesa de santo Georgio nel capo della isola et in quello luogo habi|tavano i citadini et quello luoco se chiamava Fezzarola dal nome de | quella parte de Po che al presente se chiama Fossa et perché i citadini | da Ferrara allora erano molesti et odiosi ai Ravegnani essendo | dispari in potentia de publico consiglio fu deliberato da quelli de par|tirsi de quello luogo cum tute sue famiglie et suoi edifitii et de pore | sua sedia oltra lo fiume in quello luogo ove al presente se vede la città. | Et possero nome alla nova città Ferrara traendo questo nome dal pri|mo chiera Fezzarola. El tempo di questa mutacione al postuto non so et per | ciò non sono ardito di scriverlo qui stoltamente. Dunque ella fu mu|tata della provincia chiamata Emilia nella provincia de Venetia guardando | da mezo dì lo fiume in quella parte bello et ampio et è tra la città et lo capo isola | de la isola de santo Georgio la isola de santo Antonio la quale è lunga circha mezo | miglio tra la quale et la città e parte del fiume più ampia che l'altra parte et giarosa. Et in quello luogo i primi habitaturi della città posero sedia de | le sue case in dui logi più levati et in quelli luogi fecero dui castelli fortifi|cando quelli de argeri e de fosse. Lo primo nella parte de sopra del fiume lo | quale se chiama Castello Thedardo forsi dal nome d'alcuno de quelli molto pos|sente nella quale contrada è al presente la ghiesa de san Giovanni et la rocha | edificata presso el ponte la quale al presente se chiama Castello Thedaldo. Lo | secundo castello nella parte inferiore del fiume nella contrada de san Pietro | el quale fu chiamato lo Castello di Cortesi. Et spianaro de sabione la via | per la quale se andava da l'uno a l'altro la quale al presente se chiama la via | di Sabiuni, et comintia dal ponte de san Pietro et va per la piaza del comune | presso la ghiesa magiore havendo dala man dextra et dalla sinistra i palagi e|dificati per li tyrannii per la quale via se va insino nella contra de san Iovanni in|nanti dicto. Ma poi che i luogi che sono in mezo de dicti castelli se cominciaro | in pire dali habitaturi i gli fecero per sua forteza le fosse alla città et quilli | castelli forono i termini della lungeza della città. La ghiesa de sancto | Martino fu nel argere de la fossa de la città secundo che appareno le | vestigie poi per la moltitudine di citadini fu lungata la città presso el fiu|me dalla parte de sotto, et comprese la contrada nella quale è la ghiesa de san | Thomaso et é distesa la città perlungo circha passi mille. Et é fortificata | da mezo dì solamente de l'aque del profundo fiume et dalle altre parte | de ampia fossa de argere et de stecchato et per lo argere sono edifica|te circha XVIII tra le quale é picola distantia. Et ancora la città | ha dui burgi per la riva del fiume fortificati de fosse et d'argeri i quali | sono lungi zinquecento passi. Quello de sopra se continua cum la ro|cha de Castello Thedaldo et quello de sotto è da la ghiesa de sancto
[p. c. 4r]
Thomaso in giù et ha tre grandi parochie. Et la città cum li | burgi sopradicti e divisi in quatro parti le quale se chiamano | quartieri. La parte de sopra cum lo borgo se chiama lo quartiero | de Castello Thedaldo. Lo seguente se chiama lo quartiero de santo | Nicolò. Lo terzo lo quartiero de santo Romani et lo quarto cum | lo Borgo de sotto lo quartiero de santa Maria del Vado. Se | nui cerchamo lo numero delle ghiese poste in queste parti della | città sono per numero delle ghiese po trentasepte de le quale oltre | la ghiesa del vescovado XVIII ne tengono capellani subiecti | al vescovo. Le altre che sono altretante tegnono suoi prelati | exempti dal vescovo. Abondando la città de Ferrara de multi beni per la grandeza et per | la fertilità di campi de le palude de le selve et per lo dextro de | sì grande fiume et de tanti camini concorse ad habitare quella | molta gente de diversi paisi de Italia intra li quale alcuni valen|ti homini de richeze et de nobiltà gli venero cum sue richeze cum | sue famiglie et seguazi. Et finalmente essendo le possessione | de ragione delle ghiese et havendo pochi lavoraturi et lo terreno | essendo coperto de paludi et de boschi ciascadunio di notabili cita|dini se aquistò grande possessione per gratia o per pocha moneta. | Et studiandosi ciascaduno di magiorenti essere possente per la parte | de le possessioni aquistate per villi pregio obligando quelli aquista|ronsi vassalli. Et ho audito dali antichi homini lo numero delle | famiglie de i nobili che sono XXXIIII delle quali famiglie molte | ne sono manchate cioé più de X de le quali non vive alcune | et alcune sono si menemate de richeza de potentia et de virtù che | già non resplendano ad modo di gli suoi antichi anzi sieno meschiati | cum li homini de popolo per le sue grosseze. Et é [e mi] venuto in animo de | scrivere i nomi de quelle famiglie nobili aciò che le sapiano quelli che | verano drieto. Primeramente nella regione de sopra della città in | sino ad s(an)ta Maria Nova sono zinque famiglie de nobili cioé Anse|dei Guatareli. El Negro de Piero del Saya, Egidio dal Forno e i Sasiani et quisti al [postuto] sono manchati. Nella contrada de santa Ma|ria Nova erano i Trotti e i Belboni et questi sono in multi in multi ma non mor|ti et hanno le sue habitançie in altro logo. Nella parochia de san | Nicolò sono già molti potenti i Maynardi i sono manchati, e i Gade|aldi de quella parochia non sono più famosi. Nella parochia de santa | Croce i Aldigieri sono manchati de richeze e de possanza et de | questa famiglia sono li Aldigieri dalla fontana della parochia | de ogne sancti Irasuri et questi sono manchati. I Marcomaldi non | sono manchati ma sono inchativiti in numero de populani.
[p. c. 4v]
Nella parochia de san Stephano sono i Contrarii e i Mixotti assai | possenti de servi et quisti sono manchati in ogni cossa et hano per|duto ogne sua nominanza. Nella contrata de san Polo sono i Lenzii et | sono venuti ad volta salvo che uno admaiestrato de ragione. Nella | parochia de san Romani fu Perthonopeo homo richo et molto | potente et questo è manchato in tuto. Et sono i Menabo et viventi | due iovani richi et possenti ma non hano figlioli. Nella parochia | de san Iacomo sono i pagani et di questi ne vivono. Nella parochia | de santa Agnese sono i Guidiberti et visdomini. De quisti ne sono | vivi ma sono poveri. Nella parochia de santo Clemento i Gotardi. | Nella parochia de san Gregoro fu i Gioculi. Nella parochia de san | Piero o vero nel castello di Cortesi casotto del quale non remase al|cuna schiata et li Adelardi fu Adelardi di quali fu Gulielmo de Marchesella | principe et capo de la sua parte, et Taurelli di quali fu Salinguerra | principe della contraria parte. De gli Adelardi non campo alcuno | seno [una] fanciulla figliola de Adelardo fratello de Gulielmo la | quale tolta per furto de casa di Taurelli ad uno di quali ella era sta|ta promessa per moglie, fu data ad uno di marchisi da Est chiama|to per nome Oppizo. La quale morì fanciulla inanti che se giungesse | cum lo marito, de Taurelli vive uno homo senza figlioli maschi. | Nella parochia de santo Apolinare sono Falzagaloni i quali etiandio | manchano. Nella parochia de santa Maria del Va sono li Avogari | i Captani i quali non sono al presente. E i Signorelli di quali ne | sono vivi alcunii. Nella parochia de san Vitale sono i [Bochiman] . | Nella parochia de santo Tomaso sono i Turchi e i Ramberti. Nella | parochia de santo Lorenzo sono i Fontanisi i quali sono nati de li | Aldigieri et quelli [...] la [schiata] di quali é venuto meno. | Nella contrata de san Silvestro sono i Costabili di quali é gran|de schiata. Et il è domini i quali durano.

Essendo in fiore la republica de Ferrara la contessa Mathelda donna | de multi populi de voluntà assediò Ferrara nel MCI anno da la | Natività de Christo et non o di certo s'ella obtene. La quale sopra vis|se anni XIIII et instituì suo herede la ghiesa de Roma. Lo populo | de Mantoa facta liga cum li Ravignani contro lo populo de Ferrara | già grande impossanza feze guera al populo de Ferrara. Ma non es|sendo pari ad dui populi nemici eran stimolato per terra et per aqua | et già essendo sconfitto acompagnossi per pregio et per pregi cum lo populo | de Verona contra i nemici et fu lo pagamento del pigliare la guera lo | terreno de Hostiglia et la riva de Po posta tra Seravale vila di Man|toani et Melara del conta de Ferrara. El terren della Gaiba che | posto presso lo fiume de Ladese et lo canale per lo quale se viene de
[p. c. 5r]
Lavese alla fracta villa de palude. Ma possa cha la forza del populo de | Ferrara giunta cum il populo veronese se vinse i nemici già dispari in bataglia | fu finita la guerra cum pace et sono le conditioni pari et giuste. | Nel tempo de Corado imperadore et Eugenio terzo papa i quali regnano | negli anni da la natività de Christo MCXL Gulielmo de Marchesella de | la famiglia de li Adelardi era capo de una de le parte de Ferrara, et da | l'altra Torello de Salinguera. E gli marchesi da Est erano nimi|ci ad Gulielmo per la quale cossa quello Gulielmo fece grande forteze a | le confini del distreto de Ferrara per terra et per aqua da qualunque parte | era via da nocere alle cosse del ferrarese ciò fu al ponticello ad Ar|choa alla fratta ni manegi presso alle palude ponendo betresche et hedi|ficii. Et poi ch'el dicto Gulielmo tornò ad Ferrara dal passagio facto | nella terra sancta nel tempo del dicto Eugenio papa nel anno da | la Natività de Christo MCXLVII Adelardo suo fratello e i figlioli de | Adelardo moriro tuti salvo che una fanciulla [picola] chiamata | per nome Marchesella. Gulielmo non havendo figlioli feze suo he|rede la dicta Marchesella in parte del patrimonio cum questa conditione che | se ella morisse senza figlioli substitui i figlioli de sua sorella Gio|colo et lingueta nella mitade ne l'altra parte l'ospedale de san Ioa|nni Gerosolimitano. Questo testamento o veduto et lecto et al | presente è deposto a presso de mi. Et ancora volendo quello homo pro|vedere alla salute de la re publica de Ferrara amichevolmente aciò |che non cie sguazzasse per le discordie e per le guera diede quella sua here|de la quale non haveva ancora septe anni ad Taurello capo della con|traria parte a ciò ch'ello poi la desse per moglie ad uno suo figliolo. Mor|to Gulielmo i nobili de Ferrara i quali havevano seguito quello nelle | discordie civili portando gravemente la felicità de Taurello se | consumavano de invidia. Dunque facto consiglio in odio de Taure|llo determinaro che alcuno di marchisi da Este fosse suo capo el | quale perseguissi Taurello et quelli de sua parte in Ferrara. Et trassero | Marchesella de casa de Taurello per furto o per ingano et diedella | ad uno di marchisi chiamato per nome Oppizo il quale l'avesse per | moglie improcesso de tempo. Et in quello tempo erano nella | casa de Est zinque fratelli cioè Azzo, Bonifacio, Oppizo, Folco, | et Alberto et per certo Oppizo che doveva essere marito della fan|ciulla vivendo quella usava i beni de la heredità de lei, nel quale | tempo era l'anno de la Natività de Christo MCXXX overo circha | quello tempo. Et inanti lo tempo delle noze de quella fanciulla in età | de otto anni ella morì. Et quelli che sucedevano a lei non curaron | de diffendere la sua ragione. I Gioculi sustituii per amore della soa | parte et per odio della contraria volsero che la parte che gli to
[p. c. 5v]
cava pervenissi più tosto allo marchisi capo de la sua parte che havere | quella senza lo principato di marchisi in civile discordia. Dunque i citadi|ni de Ferrara se offersero [non] inseme alcuna volta cum mala prosperità de le cosse et alcuna cum adversità per molto spatio de tempo. Et | ho udito da li antichi che in spatio de anni XL l'una parte caciò l'altra fo|ri della città otto volte robate le massaricie et gli altri beni et gua|staro le case ad modo de nemici. Et audì da mio padre essendo io fan|ciullo ragionando ello de nocte nel tempo dello verno in casa ch'ello ha|veva veduto per lo suo tempo nella città de Ferrara trentadue alte tore | le quali poi ello vide abatere et rovinare. Et queste mutacione de dap|ni et de guere sono facte in spetialità al tempo de Salinguera figlio|lo de Taurello et da Azzo marchese lo cui corpo è seppellito nel monis|tiero de la Vanganditia inanti al anno de la Natività de Christo MCCXIIII inanti ad questo anno Salinguera il quale fu tenuto savio | et cauto in facti del mondo del modo et haveva nella parochia de san Salvadore | dove ello habitava non solamente cose et gran palatii ma etiamdio ha|veva vigne et orti et giardini et prati et per forteza d'epse et de | suoi seguazi edificò in quello luogo uno castello il quale ello fortificò | de fosse e de argeri de stechati et de torre et de cosse necessarie. Et stando in pace lo populo de Ferrara integramente senza guera de fuori | era in fermo de discordie civili per la solicitudine de le parti. Dunque Salin|guera podestà et rectore de Mantoa era absente. E i citadini de la | contraria parte pensando che quello fossi tempo apto ad caciare i citadini | della contraria parte et constrinsergli ad fugire in nel castello de Salin|guera. La quale cossa udita cum gente armata Salinguera vene | ad Ferrara et passati i ponti de Bonetico et de Lagoscuro vene a | la città et uscirogli incontro i suoi adversarii nel borgo in uno | luoco dove era uno trebio chiamato Roversella et in quello logo | vinti i nemici intra per la porta de san Polo et ad rivo al castello | chiera sua habitacione. Poi facto suo sforzo caciò della città i soi | adversarii. Poi per spatio de tri anni segondo ch'io ho udito l'una | parte e l'altra fu stimolata dalla civille discordia. Et finalmente | fatigata l'una parte e l'altra de la guera fu facto paze cum uguali | conditioni. Et tra l'altre conditione sono che ciascuno cittadino | bandegiato tornassi ad casa et fossegli restituito tuti i suoi | beni et le dignitadi civili e gli oficii fossero partiti per sei misi | o per uno anno ugualmente et fossero comuni sì che la mitade | de tuti li uficii fossero de quelli chierano de la parte de Salinguera | et l'altra mitade de quelli chiera de la parte di marchisi. Et que|sto fu cominciamento de ciò exemplo perché finita questa pace la | quale durò anni XV. Et preso Salinguera ad ingano et menato
[p. c. 6r]
ad Venetia et messo im prisone i marchisi signoregiando in Fer|rara per forza et per tirannia distribuiro li ofitii del comune como li | piazeva tra li homini che li favoregiavano per dono o i gli li ven|devano ali altri. Et ancora era stato nelle conditione della pa|ze già inanti dicta che non era licito ali marchisi venire ad Ferrara | seno cum picola compagnia et due volte l'anno et cum saputa de | Salinguera. Et como lo marchese Azzo se apressava alla città de | Ferrara Salinguera li usciva incontro cum li gentilli homini de | amedue le parte et amindue amichevolmente parlavano inseme | et facivano conviti cum li maiorenti della città. Et era Salinguera | molto richo. Ma li marchisi havevano picole rendite perché egli | havevano conceduto per ragione de feudo la maiore parte delle | possessione chierano state del patrimonio de Marchisella alla | quale egli havevano soceduto ali nobili et ai populari de sua | parte. Nel tempo de questa paze fu in fiore la republica de Ferra|ra et i citadini havevano habondantia de richeze et de bona pa|ze et non era chaciato alcuno de la patria seno malfactori et | homini scelerati. Erano secure le vie ali vicini da ogne parte | et dal mare et le navi spetialmente carchate de varie merchantie | et cum le gabie nella sumità del arbore d'ogne città da marina in|trando per li porti del fiume del Po havevano recepto alla riva de | quello. Et non haviano bisogno i citadini de Ferrara andare ad Vene|tia o ad Ravena per cosse di suo bisogno. Et multi anni durò che|se faceva la sera nel prato del comiune posto presso el Po nella ripa | de la ala quale de grande parte de Italia et de Gallia concorivano mer|chatanti che conducevano varie merchantie et tuti i cittadini in quelle | fiere se irichivano de cosse necessarie guadagnando o aquistando | e facivasi due volte l'anno per spatio de XV di ciascuna volta. Le | prime se facivano nella dominica de lo ulivo et l'altre nella festa | de san Martino. Et era per certo in quello tempo sì richa la camera | del comune che pagate le spese del comune quello che avanzava | de la rendita per ciascuno mese se partiva tra i cittadini dello ex|timo segondo la quantità de ciascuno. Et era contencione tra i ci|tadini delo extimo per ch'egli se lamentavano essere inganati se egli | erano scripti ad picolo extimo. Et se alcuna volta manchava | biada necessaria al popolo nel merchato comune o era tropo cara | erano alcuni cittadini i quali incontinente di proprii granari supli|vano in logo de merchato per minore pregio. Io ho udito che Salingue|ra feze questo alcune volte et cussì era divulgato dal popolo. Et | era in quello tempo Salinguera amico del populo de Bologna | et ancora compagno de quelle parte in Lombardia le quale erano
[p. c. 6v]
contrarie ad Federico imperadore et ad quelli dava et inseme receviva | aiutorii. Et bene che la magiore parte di nobili de Ferrara fosse con|traria ad lui nondemeno ello più possente di soi adversarii. Grandis|sima parte di populani e i Lamberti et alcuni altri potenti de nobiltà | favoregiavano Salinguera. Ma piaque per certo ad Dio lo cui iudi|tio non può essere iniusto de mutare la fortuna de quella città et de quello | principe. Et bene che ello possa fare ogne cossa cum la sua voluntà non | essendo mezani alcune cagione non demeno alcuna volta compie le | cosse determinate per instrumenti mezani giusti o vero iniusti. Lo caso | et la ruina de quello homo sono sapute quelle che se contieneno nel | seguente capitolo.

Potendo arivare alla città de Ferrara liberamente mercatanti naviganti | per lo mare Adriatico cum le sue merchantie per li porti de le boche de Po | facendo questo la varitia stimolò l'animo di Venetiani volendo egli | che tuti i naviganti per quello mare arivassero agli porti de Venetia. Dun|que tenendo navi armate inanti ai porti per li quali se navica in Po | vetavano che navi carchate de merchantia non fossero condute ad Fer|rara. Et questa cossa | nova et iniusta era portata molestamente da Salin|guera et dal populo de Ferrara. Dunque egli notificaro per ambasciatori | ali Venetiani che non la facessero più et non obtenendo deliberaro remo|vergli per forza. Dunque mandate navi armate in mare sconfinsero le | navi de Venetiani et alcune prese menaro ad Ferrara le quale conducte | per lungo spatio davano solazo ad ogne homo alla ripa del fiume infi|no che elle se marciaro in quello luogo. Et questa fu la ragione de la | inintista tra Salinguera e li Veneziani. Una medesima ragione fe|ce venire in odio Salinguera alla ghiesa de Roma et al populo de Bologna per ch'ello s'era partito da quelli et erassi acostato ad Fe|derico imperatore già nimico de la ghiesa. Et Cellino tiranno nella | Marcha trivisana facto amico de Federico sotrasse Salinguera | congiunto cum lui de parentado ad amista et ad favore de Federico | et premio de questa cossa el quale fu mortale a lui Salinguera | receve da Federico la corte de Carpaneto cum lo castello le quali cosse sono del terreno de Regio. Ma Salinguera vene in | odio ad lo vescovo eleto dela ghiesa de Ferrara et poi allo ar|civescovo de Ravena. Le ragione de questo odio non so et essendo | Salinguera già vechio pianse morti Albertino et Tomaso figlioli | de suoi fratelli et Iacomo Taurelli solo suo figliolo già cresciuto | in età era dolore agli amici et alegreza alli inimici perché era mato | e disobidiente. Et queste conditione de cosse fecero quello homo | non glorioso et remossero da lui multi amici di possenti per speran|za o per paura.


[p. c. 7r]

Et essendo manifesto ad tuti i savii homini che Salinguera e i suoi | seguazi erano in odio mortale alla ghiesa de Roma allo populo de | Bologna cum li suoi ad herenti et ali Venitiani irati contra lui | lo eletto de la ghiesa de Ferrara e li magiorenti della parte di marchi|si valenti dello inzegno fecero deliberatione de metere gioso la po|tencia de Salinguera. Et primeramente quello eletto piglio lo ca|stello de Bragantino poi dopo pochi dì lo castello de Bondeno lo | quale è lungi da Ferrara dieze miglia. Et come queste cosse sono | reportate ad Ferrara alcuni se affissero de dolore et de paura et | alcuni se alegraro molto et pigliaro grande speranza et non di meno dolore o paura non trasse ad ira Salinguera sì ch'ello facesse | morire alcuno possente sospecto a lui anci li lassò andare sanza | offesa o ello li comandò benignamente che igli se partissero. Et poi | che fu deliberato de assediare Ferrara et de trare quello homo de | signoria per la ghiesa de Roma et per li altri suoi nimici apparechia|ronsi alla guera: dunque Salinguera tolse VIIIC homini da caval|lo ad sua difesa di quali gli sono mandati cinquecento da Federico. | I cittadini populari quasi tuti consentivano cum lui et haveva | retenuta molta moneta de commandamento de Federico cioè qua|tro vasi pieni. La quale moneta se chiama prevedesimo et quella | a caso era portata per Ferrara de la quale ello sopeliva alle spe|xe de la guera.

Poi che vene lo tempo determinato per gli principi allo assedio de | Ferrara el quale era intrata de febraro ragunarsi allo lugo|go et andovi Gregorio de monte lungo ligato del papa cum lo | suo hoste et lo duxe de Venetiani cum molte navi armate et | lo podestà de Bologna cum grande hoste, et lo marchese Azzo | cum li ferrarisi i quali de la sua parte voluntariamente erano in | exilio cum gli altri suoi amici Paulo Traversaro da Ravena | et Mantoani et Milanisi et molti altri i quali sono tracti | o da l'amore de parte overo la devotione de la ghiesa Romana. | La sedia del campo de quelli hosti era lo prato da la fiera appresso | lo suo fiume dal capo della isola de san Georgio et lo argere de | Po e che comincia dalla porta del borgo de sotto. Et le contrade | che sono presso la città dalla parte de setentrione erano afondate | studiosamente de la aqua de Po. Et virilmente da l'una parte | et da l'altra adoperavano ad vincere et ad diffendere. Et multi | di possenti inanti fautori de Salinguera s'erano tolti da lui et | acostatesi ali nimici et non di meno non sono arditi tratare alcuna | cossa contra lui per la paura de VIIIC cavalieri et della multitudi|ne del populo che deffendevano la città. Et non pareva ad Salinguera
[p. c. 7v]
removere li sospecti a ciò che non se facesse sospecti i seguazi de | quilli. Nel libro primero se tratta più pienamente dello assedio de Ferra|ra et come in quello luogo se trova cum ingano et cum fraude se vene ad | paze piena de insidie. Et facta la paze in quello dì medesimo fu menato ad | Venetia da i Venetiani dove in luogo honesto fu messo in presone dove | ello fu tenuto anni zinque et mezo insino a l'ultimo dì de sua vita. | Ugo Ramberto il quale dopo Salinguera era stato lo più possente | della sua parte che tuti li altri il quale confortò et per forza feze fare | quella paze stimolato da grande promesse infra pochi dì fu recevu|to nel concillio di principi et poi ne fu remosso. Poi fu confortato | ch'ello se partisse cum homini de sua setta et andassi alla villa de quelli. | La quale cossa como fu facta nelle seguenti nocte sono assaliti in spetia|lità li amici de quegli et de Salinguera nelle sue case sono offisi se|riti et morti et rubate le sue massaritie. Poi fu mandato ai Ram|berti che provedessero alla sua salute et che fugissero in exilio fuori de | confini de la patria la qual cossa como fu facta multiplicati i peccati | grande multitudine dela parte vinta lasciate le sue case se partiro. Et | secundo ch'io ho udito partirsi circha mille zinquecento famiglie. Et | sono queste cosse l'anno MCCXL da la Natività de Christo a dì XII de zugno | essendo già bianche le biade et aspectato lo metitore. Et pochi di nobili | andaro in exilio cum li prediti et quelli i quali nel tempo dello assedio s'era|no remossi da Salinguera et acostati alla parte del marchese abondan|ti de richeze remasero nella città Et capo de quisti sono Marchesino | Pizolo di Maginardi Parthonopeo homo possente Menabo Salvano | di Misoti et più altri possenti. Et quelli che tornaro cum lo marchese | vincituri sono quelli dalla fontana et i Turchi et i Gioculi.

Quietate le cosse i Venetiani tenero lo rigimento de quella città per tempo de | dui anni, et obtenero per lungo tempo conditioni et pacti li quali al pre|sente se chiamano pacti vechi i quali erano bruti asperi et superbi et che | agravavano cum duro giogo li liberi animi di cittadini perché quelli chiera|no tornati vincituri cum li acunzi della re publica usando le possessi|one di cittadini chierano in exilio amando più disordinatamente la car|ne mortale che l'anima avivano lassato ogne cossa alla voluntà | et in giusta superbia di Vinitiani. Le richeze e i campi amplissimi | di bandegiati sono divise intra se vincituri. Compiuto el tempo de | dui anni lo regimento de la podestaria fu dato ad Azzo marchese et | fogli determinato per salario trea millia libre de bolegnini et questo | durò più anni. Ma i magiorenti della terra determinaro per lo con|siglio de dare quello regimento ad alcuni nobili possenti nelle sue | terre i quali havivano dato aiutorio et parevano dover dare | per lo tempo futuro in suoi facti. Et narato questo ad Azzo preganlo
[p. c. 8r]
che lassi lo rigimento a ciò che cum quello regimento igli possanno | domesticare altri possenti amici. Ad questo Azzo respose se io sum | privato de la utilità de questo regimento non potendomi bastare la mia | intrata alla soma della spese ch'io non posso schisare stando ad Fer|rara io me partirò de qui et andaro ad Rovigo dove io starò soli|tario et quieto senza pensiero de quisti peccati. Allora quelli respo|sero lasciati lo rigimento et non di meno lo vostro salario non ve man|charà. Allora Azzo disse io sum contento. Allora fu trovato modo che per | decrieto de quelli che administravano la re publica del sito de Ferrara | fossero date ogni anno allo medesimo marchese Azzo trea millia | libre de ferrarini la quale moneta allora era pari alla moneta del | bolegnino. Poi essendo quello homo cortese ad tuti inliberalissimo non | bastandogli le proprie rendite alla cura de la re fameliare facevassi | per lui cerchare ch'era de sua in famia perché ad fare le spese nela fe|sta del Natale et nelle feste de ressuretione erano richiesti abati priori arcipreti e li consoli delle ville del distreto de Ferrara che do|nassero alcuna moneta et manzi et porzi maggiali allo marche|se et era obedito bene che mal volunteri. Et di questo era nata | infamia in tra lo populo che diciva che tal colte non erano facte al tempo | de Salinguera. Allora a tuore via quella in famia fu facto decrieto | nella re publica che in ciascuna festa de Natale fossero date della camera | del comune allo marchese libre sei cento per fare le spese et nella resurectione | libre zinque cento de monete ferrarese. Ancora fu dato opera per quilli ch'erano | possenti de la parte del marchese i quali squarzavano la publica uti|lità per la sua propria che ciascuno aquistasse dal marchese Azzo in feu|do de tute le possessioni ch'ello possedeva del patrimonio de Guielmo | de Marchesella et per premio de queste cosse se diedero opera i dicti nobilli | che le possesione del comune della villa chiamata Migliaro poste | nella diocesi de Cervia fossero concedute allo dicto Azzo. Et facta que|sta domanda al populo non fu ardicto alcuno de contradire. Et quelli | ai quali dispiaque la dicta cossa tacero dolendosi. Et fu chiamato | per quilli che male administravano la re publica uno homo de po|pulo de quelli che favoregiavano Salinguera. Et fugli comandato | ch'ello andasse ad Ravena ove habitavano li bandegiati de Fer|rara i quali facevano guera al teren de Ferrara et ch'ello dicesse | ai Ramberti et ali altri bandegiati che igli consentissero alla con|cessione facta ad Azzo marchese per lo comune de Ferrara del teren | della villa del Migliaro perché serebe bene proveduto de la utilità | di bandegiati per li cittadini de Ferrara et quelli bandegiati negava|no fare questa cossa. Et altra cossa fu agiunta in danno della re | publica. Fu facto uno decrieto che quello medesimo marchese Azzo
[p. c. 8v]
havesse ogni anno libre sei cento dal comune per mantenire la for|teza del castello de Adriano et fogli data quella moneta et non fu | facto alcuna cossa de quella opera. Duraro poi queste in iuste spese in | sino al tempo ch'el populo de Ferrara cum lo aiutorio de Dio | et dela ghiesa de Roma trasse lo colo dal giogo di tiranni. | Ma torniamo alle sopradicte cosse.

Preso Salinguera et messo in presone per li Venetiani fugiro | circha mille zinquecento homini de sua parte in exilio i quali | poi abitanti nel borgo de Ravena sono infestissimi nemici | ala città et i borgi de Ferrara et alle ville navigando per ogne | parte de Po et per paludi et per mare. Dunque igli facevano le vie | paurose on igli le teniano serate. In quel mezo nati li odii tra | i possenti de Ferrara, Marchesino Pizolo di Mainardi et Part|honopeo inanti dicti chaciati de Ferrara se redussero ad Rave|na et acompagnarsi cum quelli chierano in exilio per la guera et | durata la guera di bandegiati per lungo spatio finalmente i ban|degiati sono abatuti da i citadini et partirsi da Ravena. Dato | reposso ali cittadini dopo la civille guera la città fu in fiore de | richeze in tanto ch'elli mandò de suoi cittadini VIIC homini da | cavallo contra Cellino da Romano tyranno nella Marcha | trivisana quando ello vene cum l'osto ad recovrare Padua | che s'era rebellata.

[G] ià lo marchese Azzo era uscito de li anni della gioventute et | venuto ad quelli che sono termine de la vita. Et allora ello ha|veva una donna sterille. Ma de altre primere matrimonii | ello haveva figlioli tre femine de le quali la magiore se rende | in uno monestiero L'altre erano maritate. Uno figliolo mas|chio ch'ello havea già grande fu constrecto darlo per stadego ad Fe|derico imperadore. E lo quale doppo la morte de Federico | morì de veleno. Et de questo figliolo stadego chiamato per no|me Raynaldo fu portato uno fanciullo forsi de quatro anni | al marchese Azzo lo quale ello notrico cum paterna affitione. | Tra i possenti homini de Ferrara era uno Aldegeri dalla fon|tana per la cui voluntà et consiglio se regieva la casa de marche|se et la città. Questo conforto lo marchese Azzo et instando | solicitamente fece che manchando Azzo per lo suo testamento ello | lasciasse suo herede quello garzone già grandicello et chia|mato per nome Oppizo et essendo Azzo già apresso altermine | de sua vita Aldegiero mandò per li possenti amici delle vi|cine cittade et fecilli venire ad Ferrara et ancora chiamò | li aiutorii de sua parte armati et per lo suo consiglio sono
[p. c. 9r]
mandati ad confine alcuni cittadinii. Et chiamato lo consiglio | di nobili homini domandò et propose quello che li paia biso|gnaze per utilità de la parte et disse ch' egli pareva utile per conser|vatione de la sua parte che morto il marchese Azzo fosse sub|stituito in suo luogo Oppizo. Ma Philipo arcivescovo de Ra|vena et li nobili molto possenti de la città contradicevano a | la sentencia de Aldeghieri dicendo questo il quale tu voi fare | tuo e nostro signore è uno fanciullo et non sapiamo de che | costumi ello debia essere ne unde sia nato et volemo più | tosto che tu governi et rega questa città cum la tua providentia | nui ce fidamo de te. Ma i nobili chiamati de le altre cittade | se acordano cum Aldigiero. Et finalmente fu deliberato che ad | Oppizo fosse dato la exignoria de la città et fu scripto lo | contrato de consiglio de iudici. Morto Azzo fu apparechiata la | sepultura et lo corpo fu portato in una bara cum decevole hono|re allo luogo de santo Francesco et li cittadini lo piansero non ficta|mente. Ma li cittadini ch'erano stati fautori de la contraria parte | lo piangevano cum lacrime et cum voze dicendo questo signore | non é stato crudiele anti benigno e pio messo giuso nella ghiesa | et non riposto nella sepultura lo corpo de Azzo marchese subito | tornaro in piaza et in quella era alcuna gente de cittadini | armati de comandamento et ali altri era stato vetato che igli s'ar|massero et queste cosse sono facte nel MCCLXIIII da la Natività | de Christo ad dì XVI de febraro et la sua signoria in Ferrara a caso | fu nel vigesimo quarto anno. Et poi che sono tornati da sepel|lirlo im piaza fu chiamato segondo usanza lo consiglio di citta|dini ad sono de campane et cum bando de trombatore. Et ad questo | andò ogni homo et non solamente i cittadini ma etiandio la | moltitudine di forastieri et andarongli quelli i quali erano stati | chiamati per aiutorii. Allora i nobili chiamati de diverse cittade | vicine ad Ferrara domandavano alla multitudine circumstante et | non quelle cosse che fossero conveniente alla lege divina on al publi|co bene di cittadini ma domandavano le cosse che parevano | comode a loro secundo l'appetito de la carne on de li ochi et a | la superbia de la vita et ancora ad opressione de quelli che non con|sentivano ad suo volere. Et l'ultimo che parlò fu Aldighero | dalla fontana cittadino de Ferrara edificatore de questo nostro sancto | hedificio el quale tra l'altre cosse alle quali io fanciulo fui testimo|nio disse non habiano paura li amici de la nostra parte et non si al|legrino et non piglino bona speranza li adversarii nostri per li | suoi facti per la morte del marchese Azzo per che de quello avanza
[p. c. 9v]
ad nui uno fanciullo et questo è presente et de bona vista del quale | se di [ce] aspectare bene. Et se manchasse della casa da Est schia|ta suficiente alla signoria nui faressemo uno signore de pa|glia era cridato da la moltitudine presente sia facto sia facto et | non di meno non da tuti i cittadini ma da quelli che possedivano i beni | di bandegiati et che erano richi per gli avantagi nella re publica | overo che speravano farsi richi et etiandio era cridato da quelli | i quali non havivano parte di comodi et di danni dela re publi|ca com'erano quelli che viveano de servitù. Et quelli ch'erano chiama|ti adiutorio de questo facto. Uno cittadino presente in quello logo | repigliò cum libera voze uno forestiero mercenaro il quale vi|veva di portare sa chi percotendolo cum li pedi et dicendo taci bru|to merzenaro portaciechi lo quale vendi me et le mie cosse. Ad | me conviene sottometere me cum le arme cum li cavalli et cum li mei | beni al peso che tu meti alle mie spalle. Poi facto scilentio fu | facto uno sindico ad conferire la signoria della città et del | distreto de Ferrara ad Oppizo il quale già era de età de XVII | anni. Facto lo contrato lo sindico presento pinissima signoria | ad Oppizo ch'ello possa fare ugni cossa giusta et in giusta ad soa | voluntà. Et fu data più possanza al novo signore che non he|be niuna altro regimento. Et cumpiuto le cosse lo consiglio se | partì et quelli ch'erano venuti in aiutorio tornaro ad casa sua. | Aldeghero maistro de Oppizo ordenò quelli che dovevano ad|ministrare le cosse del novo signore nel palazo et altro [ch] e [n] e | bisognava et come ogne solicitudine studia et giustamente | et ingiustamente de acrescere le cosse et la potencia del ma|rchise Oppizo et tuti quelli che havevano affare alcuna cossa | on nella re publica de Ferrrara on cum lo marchese andavano | primeramente ad Aldeghero et ello dava ordine ad ogni | cossa per lo consiglio de quello i facti della parte erano menati | da i magiorenti della città standogli intorno. Ne l'arte del na|vichare ello era Tifi nochiero et gli altri magiorenti obediva|no come minori nochieri. Et finalmente per tempo de circha | sei anni le vele della nave de quello Aldeghero sono impiute | da prosperi venti de fortuna. Eolo re di venti serrato lo be|nigno Zephyro mandò fori Aquilone et lo nevoso Euro | el quale finalmente afondò la nave de Aldeghero per lungo | spatio menata da le unde:



Anonimo.

Crediti | Info testo

Nome utente:

Password:


Registrati


Informatica Umanistica

Università di Pisa